banner di gocce di luce banner di gocce di luce
domenica 20 agosto 2017

in questo mese meditiamo le Gocce di luce di agosto 1996, agosto 1998, agosto 2009, agosto 2010, agosto 2011, agosto 2012, agosto 2013, agosto 2014, agosto 2015 e agosto 2016

Gocce di luce: Gesù parla ad un'anima

       
       

Testimonianza

 

 

La Parola di Dio, irrorata dallo Spirito Santo, sgorga in pienezza dal cuore di Gesù nell'ultima cena come ferma volontà di redenzione: "Ho desiderato ardentemente di mangiare questa Pasqua con voi" (Lc 22,15), come atto supremo di amore: "Avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine" (Gv 13,1), come solenne promessa della sua costante e perenne presenza sino alla fine dei tempi: "Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo" (Mt 28,20) e infine come memoriale: "Fate questo in memoria di me (Lc. 22, 19). Così il pane diventa Carne e il vino diventa Sangue, cibo e bevanda di salvezza per tutti. L'alito divino torna a soffiare sugli uomini e sul mondo per una nuova creazione e per ornarci di una nuova e più sublime somiglianza e dignità. Dopo il triste allontanamento a causa del peccato, siamo invitati di nuovo all'intimità di una mensa e alla comunione piena con Dio.

La divinità si trasfonde nella nostra umanità malata per una totale purificazione. È la suprema anticipazione nella santa cena del sacrificio cruento della sua prossima crudelissima passione e morte e della sua gloriosa risurrezione. È il messaggio redentivo di vita nuova offerto agli uomini di ogni tempo. È la via privilegiata per una vera rinascita, per un gioioso ritorno alla casa del Padre: "Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessimo l'adozione a figli" (Gal 4,4-5). Il Figlio di Dio incarnato, che ha assunto da una vergine la sua natura umana, la carne purissima e immacolata di Maria santissima, per essere uno di noi, uomo perfetto restando vero Dio, ora quella stessa carne si dona per vivere in noi e fare di noi creature nuove, redente dal Figlio e rigenerate dalla Madre celeste. Siamo nutriti e redenti da quel cibo divino. "Quasi modo geniti infantes, razionabile, sine dolo tac concupiscite" (1 Pt 2, 2): come bambini appena venuti al mondo, bramate il latte limpido e puro dello spirito. Siamo rigenerati nella nostra natura nel seno verginale della Madre, la corredentrice del genere umano.

La maternità di Maria, così intimamente unita alla santissima eucaristia, diventa perennemente feconda ed universale. Si unisce indissolubilmente al memoriale e in modo speciale al sacerdozio, doni di valore infinito alla chiesa e al mondo di Gesù agonizzante sulla croce: "Figlio ecco tua madre" (Gv 19,27). "Quindi non sei più schiavo, ma figlio; e se figlio, sei anche erede per volontà di Dio" (Gal 4,7). Nell'apostolo Giovanni tutti i sacerdoti si ritrovano.

Già nel tempo noi possiamo sperimentare nella divina eucaristia sia la figliolanza nei confronti del Padre celeste, siamo deificati in Cristo, sia l'essere rigenerati per l'azione materna di Maria, la corredentrice del genere umano. Nel pane di vita, accolto con umiltà e fervore, noi possiamo ascoltare di nuovo la forza della Parola e l'energia divina santificante che ci viene data: il Verbo fatto carne viene ad abitare dentro di noi, fissa in noi la sua dimora, viene a portare la sua luce deificante. Egli ci illumina con la sua parola che è verità, con la sua persona che è la Verità incarnata: "Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo" (Gv 1,9) e "A quanti l'hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio" (Gv 1,12). È quindi legittimo e doveroso dedurre che la divina eucaristia, celebrata e consacrata dalla Parola e dallo Spirito, continuamente viene, vive e si rinnova sui nostri altari, assunta vive in noi come parola vera, come Verbo che nella nostra vita e nella nostra carne s'incarna e nella nostra anima è rigogliosa e palpita.

Ad alcune anime, con una scelta libera e gratuita, il Signore Gesù in modo più vivo si fa sentire; Egli stesso affina i sensi dell'anima eletta e la sintonizza sulle onde del suo cuore. Quasi sempre, anche nel nostro caso, l'esperienza dell'ascolto, sempre e soltanto immediatamente dopo la santa comunione sacramentale, passa attraverso un intimo travaglio: è l'intimità della comunione piena che trova la sua migliore intensità sulla via del Calvario, ai piedi della croce, in un lento quotidiano e doloroso martirio. Forse proprio per questo Gesù chiama la sua eletta "Piccola Maria". Egli particolarmente si compiace in quelle anime più capaci di amare, che più assomigliano per l'umiltà, la povertà e la purezza alla sua santissima Madre.

Ciò è confermato anche dallo scopo primario di questi intimi colloqui e ancor più dalla missione che lo stesso Gesù affida alla sua prediletta: la conversione dell'umanità e la santificazione dei sacerdoti, i rappresentanti di Gesù Cristo in terra e i prediletti di Maria santissima. Sì, sono proprio i sacerdoti i primi destinatari di questi messaggi. Tutti loro sono chiamati ad una sublime missione, ad una santità vera, ad essere più che mai somiglianti a Cristo Gesù. Sono però anche i più insidiati dal maligno; lui sa che per ogni sacerdote che trascina nel male una schiera di poveri indifesi lo seguono sulla via della perdizione. Spesso dignità e debolezza albergano nella stessa persona. In questo scritti si possono sentire assai di frequente i palpiti appassionati di Gesù per i suoi eletti; il suo intenso dolore per i tanti e reiterati tradimenti e quella infinita misericordia che mai viene meno.

Basta leggere e meditare con sincerità di spirito, senza prevenzioni, per accorgersi della ricchezza dei contenuti e costatare la più assoluta ortodossia. Molti già l'hanno già fatto ricavandone grandi benefici. In molte anime questi messaggi hanno già compiuto prodigi di grazia che soltanto da Dio possono derivare. I pensieri di Dio non si dovrebbero mai fermare a livello mentale: sgorgano dall'Amore e debbono essere accolti con amore.

Un lettore sacerdote, illuminato da Gocce di luce