banner di gocce di luce banner di gocce di luce
martedì 17 ottobre 2017

in questo mese meditiamo le Gocce di luce di ottobre 2008, ottobre 2009, ottobre 2010, ottobre 2011,
ottobre 2012, ottobre 2013, ottobre 2014 e ottobre 2016

Gocce di luce: Gesù parla ad un'anima

       
       

Dicembre 2015

"Come Maria che visita Elisabetta, voi dovete dare voi stessi, portare la vostra persona"

 

 

Ave Maria!

 

18 dicembre 2015
"Non temete nemmeno il terrorismo: Iddio è più potente, è il Vittorioso! Egli è presente e guida tutto"

"Mia piccola Maria, "non temere, non temere!", dice il Vangelo stasera. Non sono le miserie ad allontanarmi da te, anche se da esse sempre ci si può perfezionare. Dio è con voi, Dio è in te, dice bene il sacerdote. E se Io sono con te cosa devi temere? Cosa vuoi che ti accada che Io non voglia? Non preoccuparti: della casa non prenderti affanno, delle difficoltà economiche, dei muri divelti, dei tuoi figli: ci sono Io! Lascia che sia Io a camminare dinanzi a te, abbandonati a Me, e le situazioni dell'esistenza si apriranno da sole. Tu pensi alla terra, alle sue incombenze; non è questa la vera vita: essa attende in Cielo, è lì la vostra vera casa.

Se ci fosse solo questa misera esistenza terrena, se fosse solo per questa manciata di anni fatti di lacrime, di ingiustizie e affanni, quale fallimento! La vita vi attende, e la terra ve la preannuncia con la bellezza del suo creato, con il fervore di sentimenti di amore autentico, dall'entusiasmo e la saldezza della fede. Ecco, Io vi preparo la vostra Casa celeste.

Non temete nemmeno il terrorismo: Iddio è più potente, è il Vittorioso! Egli è presente e guida tutto. Sembra che Egli resti nascosto e nel silenzio, ma opera perennemente. E come mai non interviene, e lascia che si operi la morte e l'ingiustizia sull'innocente? Iddio è fedele alla sua Parola: lascia libero l'uomo e non si impone, ma sappiate che da una morte, da un'ingiustizia, il Padre opera per la creatura la sua vittoria, la sua risurrezione, la sua vera vita. Voi giudicate secondo il mondo, Io guardo e agisco secondo l'eternità, ove non sarà più né morte, né ingiustizia, né timore; e per coloro per cui preghi, per essi e per ciascuno Io opero a secondo di ciò di cui abbisognano per la loro salvezza. Io sono in te, figlia mia, e se sono in te, ove vuoi che ti conduca se non nella mia Casa? Ti benedico".

 


19 dicembre 2015
"Come Maria che visita Elisabetta, voi dovete dare voi stessi, portare la vostra persona"

"Mia piccola Maria, quando un'invocazione, una prece, è fatta con il cuore e in verità, è preghiera, e non può essere non accolta; essa scende come benedizione in coloro per cui si prega e per i molti di cui solo Dio conosce: Egli la dilata e la offre per altri suoi figli.

La preghiera è la prima visita che potete fare per i fratelli: con essa voi potete giungere lontano. É visita l'eucaristia che offrite: la sofferenza, l'amore che portate, l'opera fattiva. Come Maria che visita Elisabetta, voi dovete dare voi stessi, portare la vostra persona: i soli pensieri, convenevoli, le belle parole si fermano ad esse, ma la concretezza della vostra azione porta la mia testimonianza, ed essa si fa autentica, riapre i cuori; e molti, dinanzi a tale testimonianza, ritornano a Dio.

Date, figli miei, il vostro tempo, il vostro sostegno, la vostra consolazione, in ciò che possedete e potete con il cuore e con le mani, e la mia benedizione scenderà su di voi e sull'umanità intera. Ti benedico".

 


24 dicembre 2015
"La mia Nascita, come la mia Risurrezione, è vittoria poiché porta la salvezza, la fioritura di una nuova vita"

"Mia piccola Maria, non ti smarrire. Ecco, Io nasco, vengo sempre a nascere e, nascendo, vengo a vincere. La mia Nascita, come la mia Risurrezione, è vittoria poiché porta la salvezza, la fioritura di una nuova vita. E se in una casa, in una famiglia qualcuno crede in Me, ha fede nella mia nascita, per lei e per coloro che vi abitano Io risorgo, e non potranno andare perduti.

Tu sei la lampada che tiene viva questa luce, pur se ora i tuoi cari sono nelle tenebre, ma la luce che tu avrai continuamente tenuto accesa, giungerà a suo tempo ad illuminarli per far sì che in essi nasca la mia vita. Io nasco per te, per i tuoi cari, per l'umanità intera, e la mia Nascita farà germogliare l'intero genere umano: si alzerà presto l'alba di un nuovo giorno di risurrezione. Ti benedico".

(*) Voglio ricordare ancora che tutto quello che Gesù dice alla piccola Maria intende dirlo ad ogni mamma, ad ogni papà, e ad ognuno di noi. Ed è per questo che Egli ci dona queste Gocce di luce.

 


29 dicembre 2015
"Chi è il più grande dei Martiri innocenti se non Io, il Cristo Signore?"

"Mia piccola Maria, Io sento il tuo lamento e ti sono vicino, conosco i tuoi problemi e le prove che devi sopportare, e sono con te"

Oggi celebrate i Martiri Innocenti, i Santi Bambini uccisi, la strage di Betlemme. Ma Io ti dico che ogni secolo ha avuto continuamente le sue stragi di innocenti uccisi. Essi sono i piccoli Angeli che, a miriadi, sono i più vicini al trono dell'Altissimo che, volteggiando, accarezzano il suo Volto, ed Egli li ricolma, travasando delle sue effusioni di tenerezza d'amore: Innocenti perché piccoli, senza peccato proprio, che hanno subito la grande onta per il martirio nel sangue e per la rinuncia ad una vita donata, che non potranno più vivere. Il Padre Santissimo fa del loro martirio un dono di salvezza per tutti gli uomini.

Santi innocenti però sono anche gli adulti, persino i vegliardi che, se non hanno subito il martirio di sangue, hanno vissuto quello delle lacrime nelle ingiustizie, nei dolori del cuore e nelle prove di ogni genere, portate ed offerte nella purezza di cuore.

Chi è il più grande dei Martiri innocenti se non Io, il Cristo Signore? Innocente poiché sono il Purissimo la cui trasparenza dell'assoluto riveste d'innocenza l'intero mio animo, la cui santità è un Fuoco che incendia e le cui fiammelle, che si diramano nei suoi multiformi colori, sono le virtù che irradiano nell'infinito. Venite a Me, ed Io vi ammanterò della mia innocenza e della mia santità voi e i vostri cari. Ti benedico!".

 


31 dicembre 2015
"Stasera nel vangelo i Magi giungono alla grotta e si prostrano adoranti dinanzi al Santissimo Bambino"

"Mia piccola Maria, Io non ti sopporto. Io ti amo. Pur in mezzo ai tuoi brontolii, tu mi ringrazi ogni giorno nell'offerta quotidiana che vivi. Stasera nel vangelo i Magi giungono alla grotta e si prostrano adoranti dinanzi al Santissimo Bambino. Essi ricevono una grazia speciale dall'Onnipotente: di vedere ciò che all'altrui sguardo era precluso: di contemplarlo nell'essenza della Luce che, radiosa, ammantava della sua luce d'oro, riflessa e splendente sul divino Infante, e dell'aurea di luce il capo di Maria e Giuseppe. I Magi, rivestiti da tale luminosità, ne ricevono scienza infusa sì da poter comprendere e partecipare dei tratti dei Misteri e dell'interiorità di Dio. Essi, dopo un viaggio di peripezie e speranze, si ritrovarono gioiosi e confortati di riconoscere e d'incontrarsi con la divinità e la santità.

Il ritorno sarà un viaggio di lode e di ringraziamento per ciò che hanno ricevuto in premio per la fede perseverata, pur in mezzo a sì tortuoso cammino. I Magi compresero come l'incontro e la fusione nella adorazione nel Signore Dio può avvenire nel cercare non i piaceri mondani, né le grandezze, né ricchezze e potere, ma nella semplicità di una povertà nascosta e ordinaria, nell'umiltà della piccolezza nella Verità, che solo dà il primato allo spirito.

Ugualmente voi, figli miei, riconoscerete e incontrerete Iddio, la sua reale presenza, e l'amerete, vivendo la croce nel percorso del viaggio della vita tra i suoi problemi, ostacoli e oscurità, nella luce di una fede che conduce alla mia grotta che è il mio Cuore, vivendo un'esistenza di umiltà, povertà e verità che vi fanno vivere l'adorazione, l'incontro con la divinità e la santità per farvi voi stessi divini e santi. Ti benedico".