banner di gocce di luce banner di gocce di luce
domenica 20 agosto 2017

in questo mese meditiamo le Gocce di luce di agosto 1996, agosto 1998, agosto 2009, agosto 2010, agosto 2011, agosto 2012, agosto 2013, agosto 2014, agosto 2015 e agosto 2016

Gocce di luce: Gesù parla ad un'anima

       
       

Giugno 1996

 

 

Ave Maria!

 

27 giugno 1996
"Io ritorno nel mio Amore e nella mia Giustizia"

"Figlioletta cara, …il male si scatena ora particolarmente su coloro che sono consacrati a Maria… Contro di essi si scatena più che è possibile. Il male devasta ovunque: sa che il suo tempo ha quasi termine. É una lotta delle tenebre contro la Luce. La Chiesa poco alza la sua voce, timorosa com'è del mondo. Solo il mio Papa, e pochi miei figli fedeli al mio insegnamento gridano. Ma si cerca di chiudere loro la bocca e legar loro le mani. Essi come ne soffrono! Le persecuzioni… ci sono persecuzioni.

Per loro Io dono dei troni regali in Cielo. Se il mio Amore giunge sino a quelli che non Mi amano, ancor più va a coloro che sono parte di Me, e che Io amo. Ci sono creature che soffrono la mia Passione fisica o croce nello spirito, infermità dalla nascita, fisica o mentale: le offrono come un dono d'espiazione e riparazione. Uniti a Me, essi redimono e intercedono per i fratelli. Queste creature sofferenti, unite alla Santa Messa, sostengono ancora il mondo: anime sconosciute e bistrattate.

Io non desidererei che alcuno soffrisse così, ma vorrei che ognuno portasse del suo e ci fosse un aiuto scambievole, ma ne sono obbligato per salvare. Sappi però che veglio, e non permetto mai che si possa nuocere alla creatura più di quello che non può sostenere, così è anche nella tua vita.

Le grandi ingiustizie, le prove, sono pure esse opera del nemico; e Io lo lascio fare per ricavare da esse il buono. Gli uomini, nel loro benessere, si inaridiscono, sono apatici, non più capaci di dare del pane al fratello, che ne ha bisogno, si fa dio della sua vita; non educano i figli alla fede e li crescono, bestemmiando il mio Nome. Attraverso queste prove, comprendono il loro bisogno, il piede vacilla, il ginocchio si piega, per essere capaci di guardare verso l'alto e cercare il mio aiuto.

Questo dice la Parola di oggi: la casa deve essere costruita sulla mia Roccia. Quando non è così crolla, non solo al suolo, ma nei burroni dell'inferno. Quanti vanno all'inferno di questi tempi!... Ma proprio tanti!… E coloro che abitano la mia casa vanno ai suoi sprofondi, se si dannano. Quei figli che si nutrono del mio Pane, dei miei Sacramenti e mi tradiscono, mi vendono al nemico per straziarmi, sono i nuovi Giuda, ancor più perfidi del Giuda del mio tempo. Sapessi che dolore è…: come un'onda enorme di male, che avanza… e vedo gli uomini indifferenti alla morte che li attende fra breve, morte non solo fisica, ma eterna. Io ritorno, ritorno nel mio Amore, nella mia Misericordia e nella mia Giustizia, per purificare e lavare tutto questo male.

Ritorno nel mio Spirito Santo, che manderà il suo Fuoco. A coloro che non troverà con il mio Sigillo sulla fronte, ma avrà quello del nemico: che morte orribile! Vedranno prima dei segni nel cielo, vedranno la mia Croce, ma sarà troppo tardi per convertirsi. … Gli innocenti saranno i martiri che, con il dono della loro vita, purificheranno anche essi la terra. Il resto del popolo che rimarrà, Mi apparterrà, avrà il mio spirito e la mia Verità. E sarò di nuovo il loro Dio!

In quelli che vi sembreranno giorni terribili non uscite di casa. Avrete paura, sentirete scuotere la terra, grandi rumori e urla raccapriccianti ovunque. Voi rimanete chiusi, in preghiera continua. E ricordatevi delle mie parole e della mia protezione: la porta della tua casa sarà bagnata dal Sangue dell'Agnello, come ai tempi della Pasqua ebraica: sangue formato dalla Comunione intima con Me, da anni, dalla continua preghiera, dalla consacrazione a Maria. I consacrati a Maria ne salveranno molti tra coloro che gli sono cari, se essi sapranno ricercare lo Sguardo di Iddio.

Che dolore, figlia mia! Vorrei riversarlo su tanti cuori, eppure sul tuo, ma non potresti sussistere, e devo sostenerti già nella giornata che vivi. Le altre anime o non ce la farebbero o non vogliono.

Accolgo la tua preghiera per i sacerdoti, feriti con le piaghe aperte. Le preghiere, le comunioni sono un balsamo soave. Essi sono caduti, ma hanno ancora il cuore buono e sono pentiti, e quelli che vengono affidati a Maria, ricevono in Lei la preghiera più santa e pura che risana e cicatrizza. Lei se ne prende cura, li pulisce, li riveste, e li riporta a casa: figli che sarebbero andati perduti ritornano più belli di prima. Ti benedico".