banner di gocce di luce banner di gocce di luce
martedì 17 ottobre 2017

in questo mese meditiamo le Gocce di luce di ottobre 2008, ottobre 2009, ottobre 2010, ottobre 2011,
ottobre 2012, ottobre 2013, ottobre 2014 e ottobre 2016

Gocce di luce: Gesù parla ad un'anima

       
       

Dicembre 2016

"La Chiesa ormai vive il suo spaccato: la lacerazione si farà palese, e richiederà una scelta.
Una parte di essa rimarrà fedele e ancorata ai Dettami della fede integra al Vangelo,
l'altra parte vorrà essere innovativa, formando le sue nuove leggi:
e anche il Papa dovrà fare la sua scelta"

 

 

Ave Maria!

 

1 dicembre 2016
"Non chiamo solo gli apostoli, i sacerdoti e consacrati alla mia sequela,
ma chiamo i laici, i fedeli; chiamo tutti a divenire pescatori di anime.
La mia chiamata non è solo per i giusti, ma anche per i peccatori"

"Mia piccola Maria, sto operando su G., sarà lui stesso a chiederti di andare. Ora hai il cuore oscurato per la pena e non sai vedere che la liberazione è imminente.

Ecco, il Vangelo vi dice stasera: "Seguitemi, vi farò pescatori di uomini!". Chiamo i miei apostoli: "Seguitemi!", ed essi lasciano subito le reti della pesca e mi vengono dietro. Non chiamo solo gli apostoli, i sacerdoti e consacrati alla mia sequela, ma chiamo i laici, i fedeli; chiamo tutti a divenire pescatori di anime. La mia chiamata non è solo per i giusti, ma anche per i peccatori: tra di loro c'era Giovanni che era innocente, ma pure Matteo un pubblicano. Non disdegno di stare e condividere la mia persona, la mia parola, la tavola, con i peccatori: chiamo a Me la Maddalena come Zaccheo, ed ogni figlio dell'uomo; non temo di sporcarmi le mani con essi poiché sono venuto per salvare tutti. Io vi dico anzi, che tanti giusti non giungono a grandi mete di santità, che invece hanno conquistato molti grandi peccatori riscattati.

Ognuno di voi è chiamato a diffondere la mia Voce, il mio richiamo, a divenire miei apostoli, e lo potrete se prima siete voi a seguirmi, ubbidirmi, e siate a Me abbandonati. Al mio seguito, nella fiducia dell'abbandono, se voi vivete questi presupposti, divenite apostoli poiché mi testimoniate con la vostra vita. Il vostro vissuto è mia testimonianza, le vostre mani si fanno reti per pescare le anime, il vostro cuore che ama è l'amo con il quale pure le attraete a Me, e con le parole si fanno mio eco che accompagna l'intera vostra persona, che si fa barca nella quale verranno depositate, perché voi vi adoperate per condurle al porto sicuro della salvezza, ove spanderete e presenterete a Me il grande Pescatore, il vostro pescato di anime, che Io benedirò, ed immergerò loro e voi negli sconfinati mari della mia santità. Ti benedico".

 


2 dicembre 2016
"Offro la mia Divina Eucarestia, che se poteste vederla,
è tutta ricoperta di sangue per i colpi degli oltraggi che subisce,
perché cos'è l'Eucarestia se non Carne del mio Cuore lacerato?

"Mia piccola Maria, Io sono in te, nella tua sofferenza. Sono nel tuo patimento, figlia mia! Il demonio cerca di fuorviarti nelle cose umane, ma Io ci sono. Sì, potrei, con un battito della mano, con il battito di un ciglio, cambiare la situazione e dare liberazione, ma Io cerco la collaborazione dell'uomo. La tua sofferenza non è stata circoscritta a tuo figlio: essa si è fatta redentiva, ed ha aiutato, ha portato soccorso, a molti altri giovani nella stessa condizione. Ne vedrai l'adempimento del suo frutto nell'altra vita. Io sono con i perseguitati, i tribolati, con i malati, nel dolore delle creature; se gli uomini credessero a questo, alla mia presenza nella condivisione alla loro pena, quante angosce, quante paure svanirebbero, e quanti mali verrebbero sanati!

La prima Parola stasera vi dice: ‘il Libano diverrà un frutteto, il tiranno verrà abbattuto, gli spiriti traviati apprenderanno la sapienza…, e come potrà accadere ciò? Con la vostra fede, con la richiesta, con il grido intenso a Colui che è medicina e cura, che solo può guarire e riportare, a questa terra oscurata e permeata nelle tenebre del male, la sua luce.

Io riporterei ogni sole di giustizia e sanità di guarigione, sì che non solo un frutteto sarebbe questo mondo, ma si farebbe giardino di delizie: ogni tiranno che vi opprime e domina verrebbe fatto decadere, ogni insipienza che offusca il vero verrebbe cancellata, e gli spiriti illuminati. Perché questo accada c'è bisogno di fede. Cosa accade oggi nel Vangelo di stasera? I due ciechi mi gridano: " Gesù, Figlio di Davide, abbi pietà di noi!", ed Io soggiungo: "Credete voi che Io possa fare questo?" Dalla loro conferma Io intimo: " Sia fatto secondo la vostra fede!", e riebbero la luce della vista.

Oggi, 1° venerdì di avvento, lo offro come un farmaco di cura alla cecità del mondo il mio Cuore Divino, un Cuore ricoperto e travasato di Sangue, tanto è forato dai colpi del peccato, e non solo ferito per l'incredulità, per la mancanza di fede nell'umanità, e il mio Cuore ne geme di dolore poiché vedo i miei figli andare perduti.

Io offro con le mani aperte alle creature il mio Cuore, ma essi vengono poi per colpirlo. Offro la mia Divina Eucarestia, che se poteste vederla, è tutta ricoperta di sangue per i colpi degli oltraggi che subisce, perché cos'è l'Eucarestia se non Carne del mio Cuore lacerato?

Cosa potete fare voi, piccole anime mie? Invocate voi, chiedete e siate i miei consolatori per riparare al mio Cuore. Adorate la mia Eucarestia per esserne amanti. E voi, figli, che possedete un poco di luce, unitela a Me! Insieme potremo dare molto chiarore, illuminare molti ciechi che non solo non riescono più a vedermi, ma nemmeno ad invocarmi: si fanno muti che non sanno nemmeno chiedere e cercare luce, in modo che molti di essi, tramite la vostra intercessione, potranno riavere la vista dello spirito e salvarsi. Fermeremo insieme l'avanzata del nemico, che getta continuamente caligine di oscurità sulla terra, e diffonderemo e riporteremo la mia Vita che è luce nella mia verità.

Io sconfiggo sempre il demonio e il suo potere: non può egli vincermi, ma chiedo la partecipazione dell'opera umana per condurre a salvezza il genere umano. Ti benedico".

 


4 dicembre 2016
"Nella conversione c'è la felicità; la felicità sorge dalla pace nel cuore,
dalla retta coscienza, dal buon agire"

"Mia piccola Maria, la via di liberazione per G. è aperta, la vedrai attuarsi ogni giorno che passa. Chi si consacra al mio Cuore e al Cuore di mia Madre mi offre la sua vita e la sua morte, tutto è nelle mie mani, anche come morirete. Ed Io ti dico che per te sarà un dolce sonno poiché già la tua esistenza è stata così gravosa e dolorosa: ti viene data in grazia una morte di pace.

Dice il Vangelo di stasera: "Chi vi ha fatto credere di poter fuggire all'ira imminente?". Chi può dire di poter aggiungere un giorno solo alla sua vita? Quanti di voi uomini non giungeranno alla sera, e molti non vedranno il mattino; e coloro che non sono pronti andranno incontro all'ira della propria condanna. Io invito, esorto, chiamo, supplico: "Convertitevi! Convertitevi!", ma quanti ascoltano? Il grido del Battista si unisce al mio: "Convertitevi!", già la scure è posta alla radice dell'albero, e chi non dà buon frutto verrà tagliato e gettato nel fuoco.

Ma come convertirsi? Giovanni vi incita: "Lavatevi!", lavatevi dalle lordure del peccato che deformano la vostra immagine di figli di Dio, lavatevi nella purificazione della mortificazione, nelle opere di misericordia, lavatevi nel sacramento della confessione che è così fondamentale e semplice nella sua funzione! Non abbiate timore; ci vuole solo l'umiltà per accostarsi e sviscerare le proprie colpe ed essere una nuova creatura: un giorno quanto la rimpiangerete! Purificatevi nella mortificazione del sacrificio accolto, nell'emendamento di vita, nel pentimento che lava e vi modella a nuova creazione. Fate vivere l'amore nella carità: essa copre molti peccati e come fuoco brucia le scorie delle colpe, e vi rinnova! Nella conversione c'è la felicità; la felicità sorge dalla pace nel cuore, dalla retta coscienza, dal buon agire. Essa, se vissuta, vi pone in comunione con Dio e con gli uomini: vivrete nella verità i vincoli familiari, i rapporti con gli amici, e in ogni rapporto anche in ambito lavorativo. Darete pace alla natura.

Persino quando subirete, per la mia sequela, sofferenze e persecuzioni, esse saranno vissute per l'amore, si faranno redentive e vi condurranno alla santità: voi farete vivere il vostro Battesimo in Spirito Santo e fuoco, dando vita; mentre chi continua nel suo peccato si farà paglia secca, buona solo per essere bruciata in altro fuoco oscuro ed inestinguibile.

Figli miei, sono a braccia aperte! Ma come potrete vivere l'amore di Dio se restate sporchi con Chi è la purezza di ogni santità? Ti benedico".

 


7 dicembre 2016
"La Madonna ha sempre il ventre rigonfio, continuamente in gestazione dei figli di Dio"

"Mia piccola Maria, Io ti dico che la liberazione di G. si sta attuando, anche se non ne puoi notare l'evidenza: lascialo a Me, solo a Me! Bussa e vedrai che ti verrà aperto. Stasera voi celebrate, alla sua vigilia, l'Immacolata Concezione di Maria, la Tutta Splendente, la Tutta Santa, Colei che non è stata velata di ombra, esente da ogni peccato, la Tutta Pura. Lei vi precede, ed è segno per l'umanità di ciò che deve divenire: benedetta, santa e immacolata. Tutti i bambini nascono segnati dall'antica colpa dei progenitori, che poi viene lavata nel Battesimo; la Madonna nasce perfetta, intatta, esente da ogni imperfezione spirituale, fisica, e psichica. Lei è l'Immagine della perfetta Figliolanza Divina, la simbiosi unitiva e continuativa tra il Padre Santissimo e l'essere umano. Maria nasce da un amore puro e santo dei suoi Genitori in un concepimento privo di concupiscenza, formato di pura donazione. Questo favore celestiale che Ella ha recepito è stato però maggiormente sublimato da Lei che accresce e maggiora nelle sue virtù e i suoi meriti:i è simile ad un abito di bianco candore che si riaccende di continua luce, si riillumina nell'obbedienza vissuta nella sua donazione, nella sua umiltà, che si inabissa per porsi a servizio di Dio e delle creature. Maria offre la sua persona e la gemma che la contiene nella sua Maternità per essere Fonte di perenne vita per gli uomini. La sua Immacolata Concezione si adorna, si ricolma di ulteriore bellezza, si riveste di gioie preziose. Poteva Colei,che doveva essere la Casa di Dio, esser solo lievemente adombrata da un peccato? Colei che doveva contenere il Bene del Gioiello eccelso, essere uno Scrigno meno prezioso? Divenire Tabernacolo dell'Altissimo ed essere meno Santo?

Come voi potete raggiungere tale meta? Andate da Lei, tuffatevi nelle sue Acque immacolate così come siete: sporchi, peccatori, coperti da coltri di sudiciume di ogni onta! Non temete, Ella non vi disdegna, e vi accoglie: le sue Acque sono le Acque che provengono direttamente dal Creatore ed hanno il potere di dare creazione, vita, rigenerazione. Sono irrorate e fecondate dallo Spirito Santo, e danno santificazione; sono state toccate e bagnate in modo intangibile dal Sangue di Cristo Signore e danno Redenzione: le acque immacolate della Madre Santissima portano impresse in sé l'impronta, la presenza, l'energia vitale della Santissima Trinità.

La Madonna ha sempre il ventre rigonfio, continuamente in gestazione dei figli di Dio: nel suo Grembo c'è il calco di suo Figlio; non è capace quindi che ridare vita nell'immagine e nella forma del Suo Signore e vostro. Lei vi lava nelle sue Acque, vi riforma, vi modella, vi partorisce per essere benedetti, puri, sino a raggiungere l'Immacolatezza del Cielo. Ti benedico".


9 dicembre 2016
"Voi però non guardate né a destra né a sinistra:
andate diritti per la vostra strada, seguendo solo Me,
senza cercare giustificazioni o plauso alla vostra opera fedele, solo per amore di Dio, per Me"

"Mia piccola Maria, Io sento il tuo grido di afflizione; la prova è dura, e ti sono vicino: la liberazione è vicina. Devi pazientare un poco: è proprio la tua sofferenza che ne dà liberazione.

Ecco, alla Sapienza è stata resa giustizia dalle sue opere, e chi è la Sapienza se non Dio? Io vengo presso gli uomini, ma essi non mi riconoscono e non mi accolgono; rifiutano la Sapienza che è attestata dalla mia Opera compiuta, dalla sua santità e dai portenti che danno testimonianza della mia persona. Perché chi non vuol credere non crede, chi non vuol intendere non intende, pur dinanzi all'evidenza a ciò che è palese e reale presente ai propri occhi, ma lo rifiuta a priori.

Oggi, in questa generazione malvagia e perversa, come è duro dare significato della propria fede, così come dice il Vangelo: "Sia che si balli e si gioisca per testimoniarmi, e si viene indicati a beoni e mangioni, poveri sciocchi! Sia che mi si testimoni con il dolore e la sofferenza, si viene presi per poveri pazzi o indemoniati, dato che chi non vuole non accoglie nessun segno, non accoglie il Cielo, lo rifiuta a prescindere: non c'è ragione che ne possa dare giustificazione del suo senso. Voi però non guardate né a destra né a sinistra: andate diritti per la vostra strada, seguendo solo Me, senza cercare giustificazioni o plauso alla vostra opera fedele, solo per amore di Dio, per Me.

Operate indefessamente! Le vostre fatiche siano sante, la vostra carità rigogliosa, il vostro seme diffusivo. Saranno proprio le vostre opere a darvi giustizia e gloria presso l'infinita Sapienza. Per quanto è difficile, e la tenebra più oscura, Io mi farò più presente a chi mi ama: il Cielo scenderà accanto a voi presso la vostra terra. Iddio vi darà la forza e le energie per perseverare in Lui. Ti benedico".

 


10 dicembre 2016
"Vengo al mondo nel tempo della mia Nascita, e vengo a nascere nel cuore degli uomini,
e negli ultimi tempi alla gloria dei Cieli: Io vengo sempre! Io ci sono!"

"Mia piccola Maria, sento la tua afflizione e la tua pena dolorosa, e sono con te nel condividerla; sappi che quando sembra che non ci sia più niente da sperare, inizia la liberazione. Non preoccuparti dei sintomi dei tuoi malesseri, non è per essi che morirai, c'è ancora tempo, ed Io ti sostengo.

Cosa dice stasera il Vangelo? Il Battista è preso da dubbi, il suo cuore si oscura, il demonio lo tormenta: "Sei Tu Colui che deve venire o è un altro?". Ed Io mando a rispondergli: "Ecco, i ciechi vedono, i sordi odono, gli zoppi camminano, i morti risorgono ecc.; e chi può operare questo se non Dio?". E molto si rasserena Giovanni, e si sente liberato dal tormento a cui lo aveva sottoposto il nemico. Quando la prova è acuta, si oscura lo spirito e sembra spegnersi ogni luce: credete che Io vengo! Io ci sono! Se chiedete a Me, se Mi pregate e Mi desiderate, Io intervengo. La vita è una prova continua. Non vi ho mai detto che la croce vi sarebbe stata tolta, ma con Me non siete più soli a viverla: Io vi sollevo, vi sostengo, la partecipo, ve ne tolgo il peso maggiore, vi libero dall'angoscia e dall'oppressione del diavolo, ve ne faccio un trono di gloria. Gli uomini possono dimenticarmi e tornare ai loro brindisi dimentichi: Io sono sempre presso di voi, accanto al vostro dolore, per aiutarvi.

Nel tempo dell'Avvento nel quale attendete il Signore che viene a nascere in una culla, Io vi dico che vengo continuamente in chi mi attende, vengo durante l'intero percorso della sua esistenza, e al suo termine: al suo giudizio. Vengo al mondo nel tempo della mia Nascita, e vengo a nascere nel cuore degli uomini, e negli ultimi tempi alla gloria dei Cieli: Io vengo sempre! Io ci sono! Ti benedico".

 


13 dicembre 2016
"Come acquisire continuamente luce?
Cosa si fa quando in casa non c'è più acqua, quando il secchio ne è vuoto?
Si va alla fonte che ne sgorga sempre, si va direttamente alla sua sorgente.
Così per essere illuminati venite a Me"

"Mia piccola Maria, la liberazione è alle porte, è prossima, più vicina di quanto tu creda!

Oggi celebrate Santa Lucia, la Vergine saggia che ha anteposto la sua persona all'amore di Dio, che ha sacrificato la luce dei suoi occhi per ridare chiarore all'oscurità di molti alla Verità. Lucia ha sofferto molto, ma ne ha fatto dono al Signore, per far sì che la sua sofferenza si facesse lucerna per illuminare tanti ottenebrati nello spirito. Il Vangelo vi presenta di nuovo le vergini sagge che hanno alimentato l'olio delle lampade per mantenere viva la fiammella che ha dato modo di avere luce e riconoscere ed accogliere lo Sposo che viene, ed esserne altrettanto accolte. Chi sono le vergini sagge? Coloro che posseggono la sapienza di saper riconoscere e dare valore all'assoluto Bene che è Dio.

Forse che questo tempo possiede tale saggezza? Questo mondo ha questa sapienza? No! Le tenebre sono fitte, e l'oscurano, perché ottenebrato dal peccato della corruzione, della lussuria, dell'egoismo, e non sanno riconoscere in tale buio le luci che Iddio pone nel cammino per far sì che proseguano per la via del bene. Cosa fare? Io cerco altre S. Lucie, altre Vergini sagge, che sappiano offrire la loro luminosità nell'amore, nella sofferenza, nel sacrificio, per dare luce all'oscurità di molti fratelli; ed Io vi dico che molti se ne avvantaggerebbero, per salvarsi.

Come acquisire continuamente luce? Cosa si fa quando in casa non c'è più acqua, quando il secchio ne è vuoto? Si va alla fonte che ne sgorga sempre, si va direttamente alla sua sorgente. Così per essere illuminati venite a Me, alla radiosità primaria pura e cristallina che viene generata perennemente dal mio Fuoco inestinguibile: Io ve ne darò in abbondanza con i Sacramenti, l'adorazione, la preghiera, che illumina con l'olio della Grazia Divina: la terrà accesa per donare la luce del giorno a voi e a molti che attendono. Ti benedico".

 


14 dicembre 2016
"Molti santi hanno vissuto questa esperienza mistica
che a voi e per i più non è data, tanto è gravosa!
Ma pure voi, figli miei, dovete portare la vostra di croce
che ora considerate una perdita, una sconfitta,
ma è ciò che vi farà conquistare il Paradiso"

"Mia piccola Maria, stasera celebrate S. Giovanni della Croce, Colui che si è inabissato nella tenebra più oscura dell'anima per salire le vette dello Spirito. Giovanni, da giovane, aveva conosciuto l'intimità del cuore con il suo Maestro, la dolcezza e la consolazione della mia unione, l'intimo colloquio con l'Amato e il suo Signore, ne aveva gustato la Luce e la Grazia di una fede illuminata e gioiosa, ma egli fece rinuncia di questi doni per darne in offerta per le tenebre della Chiesa e degli uomini: un dono fattosi redentivo, riportando luce, liberazione e risurrezione.

Cos'è un dono se non dare ciò che è buono e prezioso e ci appartiene a chi ne è povero e non lo possiede? Giovanni entra nella notte dell'anima: un'esperienza mistica che lo associa alla prova del mio deserto e del mio Getzemani, si pone in combattimento con sé stesso e con i demoni, per mantenere una fede che vuole far sopravvivere, nonostante la pena di ogni abbandono e consolazione umana e divina, nella condizione di una durissima e pura desolazione, quando pare non varcare più luce di speranza ad ogni senso e motivazione alla propria fede, quando non c'è risposta al proprio grido d'aiuto e la notte farsi così fitta da non aprirsi ad oltranza nel tempo a nessun chiarore di giorno.

Egli prende su di sé solo l'amarezza e l'asprezza della croce che pare senza esito e utilità, ma che ne assapora in ogni suo patimento. Giovanni entra negli inferi ove l'oscurità ricopre ogni melma di incredulità, rifiuto di Dio, di visione del male. Egli la penetra, precipitando nell'inferno dell'anima altrui, partecipandola: se ne ricopre, l'assorbe, ma ne diffonde la luce della sua grazia che vive, di una fede crocifissa che supera ogni morte; ne soffre ogni disgusto su di sé per liberare le anime prigioniere: le mette sulle sue spalle, ne patisce il loro malessere; ma nella fatica egli le trae dall'oscurità malefica, mentre sale la montagna che le porta in alto in salvo, quando giungendo alla vetta, riaffiora il bagliore del sole che torna a nascere, e nella sua luce prendere forma la bellezza del firmamento.

Molti santi hanno vissuto questa esperienza mistica che a voi e per i più non è data, tanto è gravosa! Ma pure voi, figli miei, dovete portare la vostra di croce che ora considerate una perdita, una sconfitta, ma è ciò che vi farà conquistare il Paradiso: salirete con essa il vostro piccolo monte per raggiungere i Cieli. Ti benedico".

 


17 dicembre 2016
"Maria meditava ogni giorno la Parola di Dio,
e incontrando la profezia della Vergine che avrebbe dato nascita al Messia,
si chiedeva tra sé: "Ma Chi sarà questa mirabile Creatura?",
non pensando mai a sé stessa"

"Mia piccola Maria, G. si libererà! Un figlio per cui si è tanto pregato e pianto, non può che avviarsi nella sua via di liberazione. Non affliggerti per ‘Gocce di lucÉ! Il demonio fa il suo gioco, ma sarà solo una interruzione transitoria, poi si riprenderà; e per l'incontro con Don C. che ti ha deluso, ti dico che, se pur breve e di poche parole, egli ne prende le intenzioni e le creature, e le porta a Me.

Stasera il Vangelo vi presenta l'Incarnazione del Verbo nel Grembo verginale della Madonna. Questo evento è stato da sempre presente nel progetto del Padre Santissimo. Dall'inizio della creazione Egli conosceva della trasgressione degli uomini, e ne preparò già il suo intervento: dal male Egli recupera e ripara dando il bene, dalla morte offre nuova vita, dall'annullamento del nemico, sulle creature la risurrezione. Iddio preparò la Generazione che avrebbe dato i natali a Maria in una dinastia di benedetti, e prepara in Lei, nel suo pensiero creativo all'albore della Genesi, già l'Anima sua a scrigno eccelso per essere Tempio santo che accoglierà il suo Figlio Divino. La farà nascere nel tempo maturo della storia da Genitori santi. La forma nel tempio nella preghiera costante, nella Parola Divina e nella Carità profusa e incessante, e Lei ne cresce come un Giglio illibato, un Fiore vermiglio di oblazione che offre tutta Sé stessa alla Maestà Altissima: la verginità, l'innocenza di cuore, l'offerta della sua vita e persona in riscatto dell'umanità e a gloria sua. Il Padre Amatissimo, che L'ama di predilezione unica, si ammanta di questo suo pieno e cristallino amore di Lei, accoglie estasiato, ma nel suo disegno è di rendere e dare fulgore nei suoi doni alla sua Maternità: è di renderla Madre.

Maria meditava ogni giorno la Parola di Dio, e incontrando la profezia della Vergine che avrebbe dato nascita al Messia, si chiedeva tra sé: "Ma Chi sarà questa mirabile Creatura?", non pensando mai a sé stessa; la sua meraviglia continuò anche dinanzi l'apparizione e all'annuncio dell'Angelo Gabriele e, ritenendosi un nulla si stupì, rimase dubbiosa, ma ne accettò il Mistero e il suo adempimento, per compiere la Volontà divina. Ed Io venni e vengo! L'ombra dell'Onnipotente La ricoprì, lo Spirito discese con la sua Fiamma per incontrarsi e fecondare le acque verginali della Madre, e darmi Carne. Io venni accolto da un Cuore amante, da un Grembo generoso, da Braccia protettive: Ella mi accolse per donarmi, per donare la sua Divina Maternità alla salvezza umana. Anch'Io però mi ero presentato dinanzi alla Maestà del Padre mio, offrendomi e chiedendo di andare Io nel mondo, di prendere Carne e nascere, farmi uomo: conseguendo di andare a morire. Iddio progetta, ma attende sempre il consenso libero della piena adesione al suo Pensiero. L'incarnazione è l'esplosione della vita che sussegue nei vari stadi: la prima è avvenuta nella creazione, nel sorgere dell'universo, della nascita delle creature e di ogni cosa. La seconda esplode nella mia Venuta, che genera vita, offrendo la Redenzione, il riscatto, e che genera continuamente nel cambiamento degli eventi e della storia. La terza venuta è nella risurrezione che apre alla discesa dello Spirito Santo e all' edificazione della Chiesa con i suoi Sacramenti. Ora tocca a voi vivere la vostra esplosione di vita nell'incarnazione personale di Me Cristo Signore, dell'acquisto in voi dell'amore di Dio che vi genera alla Grazia, e vi fa vivere un' esistenza superiore, che vi partorisce a quella eterna. Ti benedico".

 


22 dicembre 2016
"La Chiesa ormai vive il suo spaccato:
la lacerazione si farà palese, e richiederà una scelta.
Una parte di essa rimarrà fedele e ancorata ai Dettami della fede integra al Vangelo,
l'altra parte vorrà essere innovativa, formando le sue nuove leggi:
e anche il Papa dovrà fare la sua scelta"

"Mia piccola Maria, ubbidisci alla Chiesa; sarà un tempo transitorio, ma poi ‘Gocce di Luce' avrà il suo riscatto.

La Chiesa ormai vive il suo spaccato: la lacerazione si farà palese, e richiederà una scelta. Una parte di essa rimarrà fedele e ancorata ai Dettami della fede integra al Vangelo, l'altra parte vorrà essere innovativa, formando le sue nuove leggi: e anche il Papa dovrà fare la sua scelta. Quel che Io ti ho detto su di Lui è vero: è stato un Pastore nella carità, ma si è lasciato fuorviare da false dottrine; entrando poi in Vaticano, menti potenti ed oscure lo plasmano, per cercare di portare ad una Chiesa in loro pieno possesso, ed oscurata, per una pretesa misericordia a tutti i costi, che vuole superare, e và oltre, la Verità, entrando nell'errore. Questa diventa una misericordia malata, che non può sanare, se non vive unita alla Verità di Dio, e ai suoi Dettami.

Per questo Io interverrò; per punire e purificare: il mio castigo è per non permettere che Essa venga conquistata dal demonio, e per liberarla.

Oggi nel Vangelo la Madonna esulta nel suo grido di giubilo all'Altissimo, Ella inneggia nel Magnificat riconoscendo la podestà del suo Padre Creatore e Iddio si riversa, inabissandosi a Lei, all'umiltà della sua serva per farne meraviglie.

É dall'umiltà che nasce ogni santità, mentre all'opposto la superbia è la radice di tutti i mali, da essa nasce la disubbidienza che è l'origine di tutti i peccati che sviano dal retto sentiero, dato che nel peccato il demonio possiede ed ottenebra il pensiero.

L'umile è colui che è nudo di sé, alla sua povertà il Padre Celeste soccorre ammantandolo di se stesso e delle sue ricchezze. L'umile è chi si rallegra di ciò che è e possiede, pur nella sua povertà magnifica ogni giorno nella sussistenza provvida della vita che il Signore dona e a Lui si abbandona. É il piccolo che si riconosce per amor del vero per quel che è nei suoi limiti e miserie e Iddio lo ammaestra arricchendolo dei suoi beni e della sua sapienza. A chi si insegna il proprio sapere se non a chi vuole ascoltare, a chi umile si porge all'ascolto e l'accoglie? L'umile sarà colui che non smarrirà il sentiero della verità e che verrà glorificato. Ti benedico".

 


23 dicembre 2016
"Figli miei, anche voi, quando dopo aver fatto
tutto ciò che umanamente è possibile fare
dinanzi ad un evento, un problema gravoso,
una situazione inestricabile, una malattia, ecc,
date al Signore, date a Me!
Ed Io non potrò che intervenire a secondo della Santissima Volontà Divina!

"Mia piccola Maria, non affliggerti! Io dilato la tua preghiera su molti altri figli malati e prigionieri: la tua sofferenza è anche per la liberazione della loro situazione. La porta si aprirà per tuo figlio, ora ti vengono tutte chiuse dal demonio poiché non è giunto il suo tempo che avverrà né un minuto prima, né un minuto dopo. Solo Dio vi può intervenire e la porta si aprirà da sola.

Stasera vi viene presentato nel Vangelo la prodigiosa Nascita di Giovanni Battista: grande, poiché di chi si celebra la nascita di un Santo nella Chiesa e si parla in acclamazione nella Bibbia se non di Giovanni? La sua nascita al mondo è unita alla Mia: egli nasce per Me, vive per fare il solco alle mie orme. É miracolosa perché se non è per opera dello Spirito Santo, Iddio però ha operato per la sua venuta, Zaccaria ed Elisabetta erano in tarda età ed Elisabetta era troppo anziana per divenire madre: il Creatore stesso ne ha dato miracolosa fecondità.

Quando ad un progetto divino l'opera umana non può intervenire per obbligo di giustizia il Santissimo Padre compie.

Figli miei, anche voi, quando dopo aver fatto tutto ciò che umanamente è possibile fare dinanzi ad un evento, un problema gravoso, una situazione inestricabile, una malattia, ecc, date al Signore, date a Me! Ed Io non potrò che intervenire a secondo della Santissima Volontà Divina.

Cosa hanno fatto Elisabetta e Zaccaria per avere tale dono? Hanno sempre pregato fervorosamente, sono stati ricolmi di carità, hanno vissuto secondo la legge di Dio e, a questa condizione partecipata ed unita ed unitiva con il Padre Celeste, Iddio risponde nella sua generosità, offrendo un capolavoro in un figlio santo come il Battista. Anime mie, dinanzi a situazioni dolorose che sembrano senza uscita , perseverate, non disarmatevi , pregate sempre, siate caritatevoli, vivete in grazia di Dio, poiché il Signore verrà; giungerà il tempo della vostra liberazione, busserà alla vostra porta e se gli aprirete, inonderà la vostra casa di tutta la sua Luce. Ti benedico".

 


25 dicembre 2016
"Oggi si celebra il Santo Natale, la mia Nascita.
Ecco, Io lascio l'infinita luce per entrare nell'oscurità del mondo.
É l' Infinito che si incontra con il finito, la notte con il mio Giorno, il peccato con la mia Vita"

"Mia piccola Maria, verrà trovato il problema e la giusta terapia ai tuoi malori, lo stesso per la grazia che chiedi per G. . Puoi dire a Don F. ciò che avevi avvertito già nel tuo cuore: non è bene che egli pubblichi questo libro a suo nome, 1° perché Io sono molto geloso della mia Opera e non voglio che altri ne prendano titolo, né tu, né lui, e nessuno. 2° il messaggio viene così svilito, perde il suo valore, che dà credito e il suo significato nella sacralità della sua provenienza, in Me. 3° si fa confusione con Gocce di Luce già scritte. Venga la sua pubblicazione posticipata. Gocce di Luce verranno di nuovo accreditate.

Oggi si celebra il Santo Natale, la mia Nascita. Ecco, Io lascio l'infinita luce per entrare nell'oscurità del mondo. É l' Infinito che si incontra con il finito, la notte con il mio Giorno, il peccato con la mia Vita. Entro nella storia dell'uomo, nella materia, non per cambiarne la sostanza ma per fonderla al mio Spirito e santificarla sicché, nella sua oscurità, venga irrorata da Me a nuovo candore perché possa ritornare e ricongiungersi all'origine dell'eterna Luce. Il Fuoco divino entra nel Grembo di mia Madre, unendosi alla sua Umanità per farsi Carne, e nel tempo maturo, compiuto alla mia Nascita, vengo al mondo, varco per la parete del suo Ventre senza varcare soglia alla sua Verginità, e come è stato possibile? É lo Spirito che dà vita, e può prendere Forma, così come lo Spirito mio è entrato nelle mie spoglie esanimi nel sepolcro, riunendosi e ridando risurrezione. Simile a come sono passato nel cenacolo attraversando i muri, senza passare per la porta, così come sono in ogni luogo: in Cielo, in terra e in ogni Tabernacolo. Nulla è impossibile a Dio! Egli può smaterializzarsi per un istante, e poi riprendere Carne, può varcare la materia senza intaccarla, dato che lo Spirito ne ha il potere: è superiore ad ogni realtà fisica. Credete quindi, figli miei, che se vengo a nascere per gli uomini, e lascio le altezze con le sue meraviglie per le angustezze umane e limitate, è perché voglio la vostra salvezza, il vostro bene in ogni creatura.

Credete a Me, oltre l'inspiegabile! Abbiate la mia speranza, e oltre la morte, la fede. Il demonio porta sempre la sua devastazione, ma Io nasco, e nasco per voi, per la vostra vittoria. Ti benedico".

 


27 dicembre 2016
"Come poter attuare, accogliere la mia Nascita?
Chi mi ha dato i Natali, chi mi ha partorito al mondo, se non la mia diletta Madre?
Andate da Lei, amatela, pregatela ogni giorno, offritele la vostra intera esistenza"

"Mia piccola Maria, non allarmarti per questi sbandamenti, basterà cambiare terapia. Per G. ti confermo la liberazione prima di quanto meno ti aspetti, e la vittoria di ‘Gocce di lucÉ.

Stasera nel Vangelo vi viene presentato, pur se in periodo natalizio, la mia Risurrezione. Il sepolcro è vuoto, e gli Apostoli ne trovano solo i teli, e il sudario ben riposto. Ciò dà credito ad essi dell'adempimento della mia Parola e il credo alla mia Risurrezione. Come mai tale episodio in tempo natalizio? Perché è dalla mia nascita che si è potuto avere il suo compimento. Anche voi: è dall'accoglienza alla mia Nascita la vostra di risurrezione e vittoria, che si attua nell'accettare la mia Persona che viene a vivere nel vostro cuore, e che, pur se non mi vedete, sentite, toccate è nell'adempimento di una fede che si fa concreta, tangibile che manifesta il vostro credo e la mia presenza.

Come poter attuare, accogliere la mia Nascita? Chi mi ha dato i Natali, chi mi ha partorito al mondo, se non la mia diletta Madre? Andate da Lei, amatela, pregatela ogni giorno, offritele la vostra intera esistenza: Ella vi donerà il suo piccolo Bambino Gesù e ve lo porrà nell'anima, ve lo farà vivere nella sua Luce. Andate dal mio Padre Giuseppe, che vi accompagnerà alla capanna di Betlemme: vi aiuterà a santificare la vostra povera umanità, a nobilitare il vostro lavoro, e a vivere l'intima familiarità con il vostro Signore. Amate e onorate gli Angeli, che cantano l'annuncio della mia Nascita e la Gloria di Dio: Essi vi indicheranno sempre il retto percorso per raggiungermi e vi forgeranno a vivere il lieto annuncio. Vi plasmeranno ai valori del Natale della povera capanna, nell'umiltà, nella povertà, nella purezza, nella Verità, a quei valori essenziali del Vangelo che Io sono venuto a portare, e che concretizzo in voi la santa Parola.

Il vostro cuore si forgerà per divenire la mia culla, e con Me la fede nel vostro vissuto, che sarà vittoria e resurrezione sparsa e diffusa, tramite il vostro credo, per molti fratelli. Ti benedico".

 


29 dicembre 2016
"Un'altra parte, quella dei buoni, dei giusti, saranno coloro che verranno salvati e preservati per la ricostruzione: è il ‘piccolo Resto'"

"Mia piccola Maria, mia piccola figlia, e cosa credi che Io farò se non dividere ed estinguere la zizzania dal grano buono, come dice il Vangelo? Verrò per abbattere i malvagi, e il male che hanno diffuso, una parte dell'umanità sarà martire delle genti, poiché già predestinati ad esserlo: sono nati per il martirio e per dare il sangue della loro purificazione; ma la Grazia supplirà alla loro debolezza, che ne darà fortezza e ardimento. Un'altra parte, quella dei buoni, dei giusti, saranno coloro che verranno salvati e preservati per la ricostruzione: è il ‘piccolo Resto'. La moltitudine che vive nella sua perdizione, rinnegando Dio, periranno nella loro ostinata scelta.

Stasera il Vangelo vi parla della mia Presentazione al tempio. Ecco, Io vengo portato, entro in esso, per essere presentato al Padre Santissimo, come se il Padre mio non mi conoscesse e già a Lui non appartenessi! Io e Lui siamo una Cosa sola, da sempre: la mia Vita è presente in Lui; ma Io vi accedo per essere offerto in modo ufficiale come vittima consacrata in libagione e riscatto per la salvezza degli uomini; Offerta che passa attraverso le mani del sacerdote, in Simeone. Nasco e mi offro per essere frammentato, triturato: per essere Dono!

A quei tempi venivano offerti al Cielo animali, denaro e opere pubbliche; c'era un distacco tra il Creatore e le creature, e pochi avevano compreso che Iddio desiderava invece il cuore, la vita, la persona dell'uomo dai suoi figli, come l'avevano compreso Simeone ed Anna, che vivevano nel tempio offrendosi ogni giorno, o i Profeti, o altri benedetti; ma la moltitudine, gli stessi dottori della legge, vivevano una divisione nel rapporto con il Padre Celeste e la propria vita. Davano dei propri beni, pensando di affrancarsi con essi alla sua Giustizia, di assolvere ai propri doveri incompiuti, pagando il Signore Dio, credendo che, sfamandolo con le cose date al suo potere, di poter far tacere ogni coscienza, che di conseguenza poteva giustificare i propri atti e il proprio vissuto.

Io nasco e mi offro per dare piena Sapienza, e ripristinare il rapporto di partecipazione unitiva tra l'essere umano e il suo Creatore. Iddio non vuole che la vostra esistenza sia un'esclusiva sterile, ma una diffusione moltiplicata al bene altrui. Vuole santificarvi, arricchirvi dei suoi attributi perché possiate essere degni di entrare nel Regno. Vuole possedere il cuore per partecipare nell'unità, per infondervi e impregnarvi dei suoi tesori. Dato che se foste venuti al mondo solo per vivere della terra vi avrebbe lasciato all' effimero dei suoi godimenti, poiché con la terra perivate, siete invece chiamati all'eternità, e vuole farvi santi, nobilitarvi per rendervi atti a godere del gaudio celeste. E come potete? Chi mi porta nel tempio se non le braccia amorose di mia Madre, fuse all'abbraccio protettivo di Giuseppe? Chi mi accolse se non il sacerdote rappresentato in Simeone e la preghiera dei Santi in Anna? Ad essi accorre lo Spirito Santo, che con il suo Fuoco divino, passa attraverso l'Offerta, che Io sono, benedicendo, santificando, dando maggiore potenza, intensificando con i suoi doni nella sua azione la mia Santissima Missione.

Pure voi, figli miei, offritevi dandovi nelle Braccia amorose di mia Madre, nella protezione di Giuseppe, nutrendovi ai Santi Sacramenti datevi dai sacerdoti, uniti nella preghiera della comunione dei Santi; e lo Spirito eccelso scenderà su di voi, benedicendovi e santificandovi, per rendervi atti a divenire suoi: passerà con il suo Fuoco purificatore e Potenza d'Amore per farvi suoi; non sarete così solo dei poveri rami di legno secchi da poter gettare nel fuoco, ma il Signore, nella vostra consacrazione vissuta, vi farà pianta maestosa dai multiformi e variopinti colori, abbondante del peso dei suoi frutti saporosi, rimirata e desiderata dallo sguardo dell'Altissimo, assimilata e assorbita da Colui che è ‘il Divino'. Ti benedico".

 


30 dicembre 2016
"Oggi se la famiglia vive la sua dissacrazione, la sua lacerazione e divisione,
il suo decadimento, ciò accade poiché si è separata
dall'Immagine e Somiglianza con il suo Creatore,
si è distaccata dalla sua fusione,
dimenticando che è Dio il collante dell'amore,
il motore che ne dà origine e alimento"

"Mia piccola Maria, e ne dubiti...? Io sono con te, ogni giorno, a condividere la tua piccola vita, e supplisco con la mia presenza la mancanza anche del tuo sposo. Per G. ti dico ancora che, seppur ora lo vedi nello stato in cui è, un giorno si farà benedetto.

Stasera la Chiesa celebra la Sacra Famiglia. Son voluto nascere in una famiglia umana perché l'Onnipotente l'ha creata e fortemente voluta, riflesso della Sua Immagine a somiglianza sua. Iddio è Famiglia in Cielo: da sempre il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo sono ‘Famiglia' nel fondamento di unità vissuta della Comunione del loro Amore. In Cielo Famiglia è la Santissima Trinità, in terra vi viene presentata a modello, come un faro della sua luce, quella di Nazareth nella sua eccezionalità in quanto nessuno mai come Maria, Giuseppe con Gesù hanno vissuto il loro cammino, dandogli senso e motivazione nel loro amore e unità con Dio.

Oggi se la famiglia vive la sua dissacrazione, la sua lacerazione e divisione, il suo decadimento, ciò accade poiché si è separata dall'Immagine e Somiglianza con il suo Creatore, si è distaccata dalla sua fusione, dimenticando che è Dio il collante dell'amore, il motore che ne dà origine e alimento, nell'alternarsi delle stagioni che vanno e le situazioni che si succedono, in un affetto che si trasforma ma che è continuamente partecipato, vive! É il Padre Celeste che tiene la mano della sposa e la mano dello sposo, quando ci si distacca dalla sua presa i miraggi del mondo, con le sue false luci, attraggono e tradiscono, danno momentaneamente fulgori di lampi che brevemente si spengono, portando le sue divisioni, problemi e lacrime. La vera gioia, la felicità è proprio nell'intimità, nell'unità del proprio nucleo familiare. Come viverlo, come alimentarlo? Ogni giorno date un tempo alla lettura della Parola di Dio dinanzi ai figli: Bibbia tenuta in posizione di rilievo in casa, è Dio che parla e v'insegna. Pregate uniti, pregate il Santo Rosario, colloquiate con il vostro Signore che vi nutre nello Spirito. Benedite i pasti e il riposo, siate fortemente partecipanti dell'Eucarestia, il sacramento dell'amore. Gli sposi che entrambi l'ameranno verranno generati nella loro unità, nonostante le prove e le difficoltà. L'Eucarestia li farà ritrovare sempre partecipi l'uno dell'altro.

Guardate e prendete esempio dalla Sacra Famiglia, imitatene le virtù, andate controcorrente; non soffermatevi ad osservare come fa il mondo. Anche la vostra famiglia si farà santa: vi cresceranno figli santi e spargerete intorno e ovunque vita. Ti benedico".