banner di gocce di luce banner di gocce di luce
domenica 20 agosto 2017

in questo mese meditiamo le Gocce di luce di agosto 1996, agosto 1998, agosto 2009, agosto 2010, agosto 2011, agosto 2012, agosto 2013, agosto 2014, agosto 2015 e agosto 2016

Gocce di luce: Gesù parla ad un'anima

       
       

Marzo 2012

 "Ma Io tornerò! Passata la grande Purificazione, la grande battaglia, Io tornerò"

 

 

Ave Maria!

 

3 marzo 2012
"Il cristiano è chiamato ad essere "amore e misericordia":
con esse sconfigge e ripara il male"

"Mia piccola Maria, tu sei nel mio Cuore: fai parte di Esso, pur se ancora hai le tue miserie da sanare.

Oggi la Chiesa, nel primo venerdì del mese di quaresima, ricorda il mio divin Cuore, un Cuore sì martoriato, sanguinolento, mai come in questo tempo attaccato, i cui colpi non hanno posa, e che è lacerato ovunque: colpi continui per i peccati, per la durezza, per la mancanza di assimilazione al mio Cuore. Io vi chiamo ad essere miti, umili come Io sono, mentre questa società inneggia e vi forma ad essere arroganti e superbi, a cercare solo il primato di voi stessi. Come mai questo mondo decade così, e la Chiesa non mi ama più come prima? Perché non c'è assimilazione ai Sentimenti del mio Cuore. E come lo potete?

Il Vangelo di oggi vi risponde: la vostra giustizia sia superiore a quella dei farisei, superi quella umana, per cui pur nel giusto, pur se siete vittime di un'offesa e feriti, anche avendo subito un'onta, vi richiamo a non rispondere con la medesima moneta, a non portare odio o rivalsa, a non ripagare altrettanto, colpendo tali fratelli.

Figli miei, vi chiedo una Giustizia divina, che solo a Me potete chiedere, che solo il mio Cuore può donarvi. In un tempo in cui, per un piccolo sgarbo, per un sorpasso, si risponde con rivalsa, ci si scatena in cattivo modo, quanto più è difficile e grave non rispondere al male con il male per le grandi ingiustizie, per le offese ricevute! Se andaste incontro al fratello che in modo sbagliato si è comportato, superandovi, se sapeste quanto male verrebbe arrestato, quante guerre fermate, molti omicidi non commessi, tante ingiustizie riparate!

In teoria lo potete comprendere, ma quando la situazione si cala nel personale, nella vostra vita pratica, com'è difficile e duro avere un atteggiamento pietoso! Per questo vi chiamo ad elevarvi, a darla a Me, che sono vissuto sulla terra per questo, per donarvi il mio Cuore che vi fa dono di una Giustizia divina che vive nella Misericordia e nel perdono. Il cristiano è chiamato ad essere "amore e misericordia": con esse sconfigge e ripara il male. Il male con il male sprofonda negli inferi e vi arreca tormento all'anima, facendovi anche ammalare e divenendo porta attraverso la quale il nemico può infettare, iniettando tutto il suo veleno.

Voi mi direte: "E se, pur andando incontro a colui che, ingiusto e malvagio, ci ha fatto soffrire, ci rifiuta e persiste nel suo male?" Figli miei, voi fate la vostra parte, pur da lontano, fatevi nella carità aiuto, nella preghiera e nell'offerta delle Sante Messe, poi Dio ci pensa! Intanto sulla vostra anima scende la pace, e sapete guardare oltre. Gli uomini possono uccidere le membra del corpo e farvi soffrire chissà quali tormenti, ma in Me voi superate tutto questo. Io vi offro un'eternità di cui non ne prendete abbastanza coscienza. Il mio Cuore sarà rifugio e via per il Cielo per un'anima che si arricchisce della mia Giustizia di Misericordia, e ne vivrà tutti i suoi benefici effetti.

Cosa può farvi di più il nemico se siete nella mia protezione? Date a Me che posso cambiare, con la vostra misericordia e il perdono, che è testimonianza del mio Amore. Solo allora voi sanerete le ferite del mio Cuore e Lo farete vivere. A cosa serve venire tutti i giorni in chiesa se poi recriminate, portate rancore e rabbia, e volete anche vendicarvi del torto subìto? Ti benedico".

 


4 marzo 2012
"Guardare, rimirare, ricercare il Signore Iddio è simile
a chi osserva e segue la stella polare nelle notti sui mari"

"Mia piccola Maria, tu stai salendo ogni giorno, pur di un piccolo passo che viene a Me. Bisogna salire per crescere, fare fatica per salire in alto; solo salendo la montagna della fede e dello Spirito si evolve in Dio. Se si rimane in pianura, per timore del sacrificio, dicendo tra di sé: "…non è possibile, non posso raggiungere la cima!", oppure: "ma chi me lo fa fare?...", se rimanete nel basso della vallata, voi non crescerete, rimanendo tali alla natura decaduta alla quale appartenete e non solo: finirete nei possibili dirupi, o andrete a rifugiarvi nelle caverne, negli anfratti e vi troverete così a perdere per sempre la via del ritorno.

Abramo sale in alto sul monte per offrire il suo figliolo secondo la richiesta di Dio. Io salgo sul monte Tabor e vi conduco gli Apostoli perché su di esso mi riveli per quel che sono nella mia Divinità, per far sì che tale bellezza e gioia dia fortezza, consolazione e senso al patire a cui si andrà incontro prima al mio e poi a quello di tutti voi. Solo nella sofferenza, nel sacrificio, figli miei, si cresce. E come lo potete se non fondendovi in Dio, se non contemplando i suoi Misteri? Nella bellezza divina del suo Amore, voi troverete forza, consolazione e senso per vivere la salita al suo Regno: Egli vi darà vita e motivazione in modo che si faccia un'offerta d'amore. Guardare, rimirare, ricercare il Signore Iddio è simile a chi osserva e segue la stella polare nelle notti sui mari che, pur nell'oscurità o nella tempesta, permette di non disperdersi; è simile a chi si lascia guidare dalla luce del faro per poter giungere al porto. É come la bussola che indica il percorso retto al raggiungimento della meta.

Ecco, Io sono la Stella, il faro, la bussola: seguitami, fatemi vostra Guida e Amico. Io vi accompagno, vi do esortazione, tolgo gli inciampi più gravosi e allontano le bestie selvatiche che potreste incontrare. Vi passo avanti perché non abbiate a cadere nei burroni, accorro quando siete caduti per rialzarvi. Sono con voi poiché in questo modo non sentiate così penoso il peso della fatica e possiate giungere in alto per incontrarvi con l'Eterno e con il gaudio intero del Cielo. Non sono i monti che vi fanno più vicino ai cieli sicché sembra che quasi essi tocchino le nuvole? Così voi, salendo più in alto nello spirito, vi assimilate al Regno celeste. Ti benedico".

 


6 marzo 2012
"Ma Io tornerò! Passata la grande Purificazione, la grande battaglia,
Io tornerò a riprendere il Seggio di Mosè, l'intera Chiesa
e la stessa Cattedra di Pietro"

"Mia piccola Maria, il Vangelo stasera richiama fortemente: "Chi siede sulla cattedra di Mosè?" Ai miei tempi i più insegnavano ponendo pesi e gravi insegnamenti sulla gente ma senza volerli loro toccare nemmeno con un dito. Questi cosiddetti "maestri" occupavano tale autorità per il potere e il prestigio che vi potevano acquisire, vivendo così nella menzogna e nell'ipocrisia una vita che si beatificava di sé stessi, come se si rimirassero continuamente allo specchio. Forse oggi è diverso?... Chi occupa la cattedra di Mosè?... Non tutti, ma molti sono lupi che si ammantano a pecore: alti Prelati, vari che occupano posti di grande rilievo nella Chiesa che, pur rivestendosi di obbedienza e di docilità all'Insegnamento mio e al Magistero del Santo Padre in pubblico, nella apparenza delle grandi cerimonie e delle grandi parate, però poi nel segreto coalizzano contro di Me, formano una loro chiesa; si organizzano contro di Me che sono il 'Maestro', formando un'istituzione che va contro lo Spirito del mio Cuore. Costoro vogliono una chiesa che segue un'entità suprema poiché devono dare un senso alla sua sussistenza, ma che non sia più guidata dallo Spirito Santo, ma da un dio che si conforma all'uomo, che si piega alle leggi e agli istinti umani, che accoglie anche il peccato, dato che, secondo il loro pensiero, ciò fa parte della vita naturale con il soddisfacimento dei propri istinti e desideri, in modo che accogliendoli nella Chiesa danno accettazione e benevolenza dell'umanità alla loro istituzione ed essi ne acquistano così massima potenza: una potenza pienamente terrena e umana e quindi defraudata e dissacrata nel suo spirito, occupata e posseduta dal nemico.

In modo sottile e subdolo questa falsa chiesa insegna e propaga una Parola di Dio che viene snaturalizzata della sua sacralità, della sua Grazia divina, deformandola,rendendola psicologica e terrena; toglie la sacralità dell'interiorità della preghiera con l'intimità con il Padre Celeste, dando rilievo particolarmente alle grandi adunanze e alle preghiere solo comunitarie. Si toglie il tabernacolo al centro della chiesa per riporlo in luoghi più reconditi; si allontana il culto alla Madonna, sempre più, giudicandolo infantile e superato, come una devozione marginale. Si tolgono le devozioni, poco tollerate e devolute agli ignoranti.

Non ci si inchina, non ci si pone in ginocchio, e si cerca di allontanare sempre più l'adorazione al Santissimo; e grande vittoria del diavolo è la Comunione in mano che allontana dal senso della profondità del divino, dalla sacralità e dall'interiorità… Mi banalizza, non la voglio! I sacerdoti quanto sono compiaciuti a tutto questo e così poco combattono per Me, per il loro Signore! Quanto ci sarebbe da dire!... Mentre Io richiamo ad una Chiesa di servizio, e alla Verità. Questa Organizzazione combatte Me, e ciò che sono: vogliono deformarmi e cercano di eliminare, ostacolando, tutti quelli che creano problemi al loro piano diabolico, i figli che sono dalla mia parte, compreso il Santo Padre.

Ma Io tornerò! Passata la grande Purificazione, la grande battaglia, Io tornerò a riprendere il Seggio di Mosè, l' intera Chiesa e la stessa Cattedra di Pietro, ove l'Insegnamento, la Sapienza divina sarà pura e integra nella sua luminosità più di prima.

Tu mi chiedi perché tutti questi omicidi contro le donne e la loro prole da parte soprattutto degli uomini. Figlia mia, è un mondo invasato dal diavolo, e vengono colpiti i più deboli. Il demonio ha particolarmente presa sugli uomini poiché attacca sull'orgoglio, sugli istinti carnali e la loro aggressività; quando l'uomo, il maschio soprattutto, si allontana da Dio, gli esce fuori la sua bestialità, la sua originaria brutalità.

Va bene fare leggi più severe e ferme, va bene fare centri di accoglienza e sostegno per donne, bambini, malati o anziani, i più deboli che vengono colpiti, e una particolare cura di protezione e difesa dell'intera società, ma ci vuole anche una educazione alla difesa della vita nel rispetto della persona, del corpo, dei deboli da parte dei genitori, infusa già dalla più tenera età e da tutte le realtà educatrici che insegnano.

Ciò è bene, ma Io vi dico:"Io sono la Difesa della donna e della prole! Sono pochi quelli che mi pregano e si riconducono a Me, quelli che mi riconoscono per loro rifugio e protezione. Io allontanerei il diavolo e neutralizzerei l'uomo: do luce alla mente e pace al cuore.

Queste povere figlie sono martiri che con il sangue hanno pagato il Cielo, ove le accolgo. Vi dico che il Paradiso è colmo di bambini, di fanciulli, e particolarmente di donne. Ti benedico".

 


7 marzo 2012
"Non prometto vantaggi e potere, ma richiedo una Chiesa di servizio e Verità"

"Mia piccola Maria, da sempre ti ho pensato e ho tracciato la tua vita nel dolore, e per questo ti posso definire una piccola, piccolissima Geremia.

Stasera la Parola vi presenta il profeta Geremia, tanto avversato, ostacolato, perseguitato per propagare la mia Parola di Verità; e la Verità brucia, infastidisce chi vive nella menzogna, brucia ad occhi abituati a stare nelle tenebre, che non possono sostenere la luce. Geremia era un uomo mite, molto sensibile; la sua sensibilità accentuava la sua sofferenza sofferta, ed egli faceva violenza a sé stesso per sottoporsi alla Volontà del Padre per proclamare la sua Parola di profezia in mezzo a tanti lupi feroci che perseguitavano e rifiutavano sicché Geremia può definirsi colui che maggiormente si è amalgamato, si è fatto complementare al mio Cuore addolorato e crocifisso.

I veri profeti sono perseguitati e subiscono rifiuti e ingiustizie in mezzo a tante gioie nello Spirito. Ma è proprio la loro sofferenza subita che timbra l'autenticità della loro missione. Essi testimoniano con il sangue del loro dolore la loro appartenenza al Crocifisso, firmano con le gocce del Sangue della penna di Cristo.

Non è dato a Me darvi i posti in Cielo e non prometto i palchi, i tributi e gli onori per quelli che sono alla mia sequela, ma la Vita eterna. Non prometto vantaggi e potere, ma richiedo una Chiesa di servizio e Verità.

Anime mie, che soffrite e siete addolorate per la persecuzione che subite perché mi seguite che, pur non avendo doni mistici di profezia, vi fate profeti, dato che mi testimoniate con la Parola e con la vita vissuta; nel Vangelo Io vi dico: " Rallegratevi, sono con voi!"; la vostra sofferenza timbra, attesta l'autenticità del vostro stato unitivo al vostro Maestro. Cosa potete offrire se non la sofferenza? É la sola cosa che vi appartiene veramente: essa, unita a Me, si fa redentiva e conduce, per suo mezzo e merito, alla Risurrezione.

Figli miei, il vostro dolore porta il frutto della Risurrezione. Non vi prometto primi posti né sulla terra e né nei Cieli; forse sulla terra siete i dimenticati, ma nel mio Cuore siete i ricordati di Dio e vi prometto che vi verrà dato il posto che iddio ha pensato e preparato per voi da sempre, ancor prima della vostra creazione.

Figli, non invidiate coloro che vivono di piaceri e godimenti del mondo: tutto è fallace e passeggero! Se non verseranno lacrime sincere, pentendosi, la loro sofferenza sarà perenne. Invece quelli che, pur avendo patito in una manciata d'anni, condita dalle gioie del mio Amore, riceveranno il gaudio di un sorriso eterno che non verrà mai tolto. Ti benedico".

 


8 marzo 2012
"Viene la Madre Santa con il suo piccolo esercito di figli rimastole fedele"

"Mia piccola Maria, stasera il Vangelo vi presenta la parabola dell' epulone, che molti, pur nella Chiesa, credono che sia una leggenda, un specie di storia per un paragone, mentre Io dico che essa rappresenta una storia vera, concreta, effettiva. Il ricco epulone dissacra e sperpera i beni che Iddio gli ha fatto, per appagare solo sé stesso; il suo cuore è duro quanto il suo stomaco è pieno. Vive di avarizia e di egoismo. Il povero Lazzaro vive un'esistenza d'indigenza, di pane e di rifiuto, sicché egli è un martire di purificazione, per cui la sua vita si fa piaga per riscattare il male altrui e quindi carità nel dono di sé; intorno a sé il deserto e le sue povere ossa, e solo le braccia del Padre Eterno che verranno a raggiungerlo per condurlo in Cielo.

Figli, siete chiamati alla vita per fare una scelta: o il bene o il male! Chi vivrà di bene nel bene avrà vita. E il bene scelto viene testimoniato nella carità vissuta. Molti però non vivono una via di una scelta unica e coerente; spesso c'è chi, pur facendo molto male, compie un poco di bene; Io dico che se le sue opere malvagie sovrastano, e se non ci sarà la sofferenza del pentimento, le poche opere buone verranno qui sulla terra già premiate, ma essi periranno negli inferi. Chi compie molto bene ma si macchia anche di opere cattive: se la sua carità sovrasta ed è superiore ad esse, Iddio dona la purificazione nella sofferenza di questa vita o in Purgatorio, ma saranno i salvati per il Cielo.

Io vi dico, figli: vivete coerentemente e perennemente fissi verso il bene, operate nell'evolversi di un percorso dell'esistenza che vi pone ad attuare con cuore sincero solo la carità, nella vostra buona volontà che non vuole aderire a nessuna opera cattiva. Gli errori che possono eventualmente esserci per fragilità umana, alla quale soccorro nella Misericordia della Confessione in modo che il vostro cammino sia spedito e vada diritto alla luce del Cielo ove, se siete stati questi servitori della carità, sarete serviti dalla Carità stessa che è Dio.

Oggi che ricordate la donna, Io vi dico: guardate alla Donna per eccellenza, alla"Madonna"! Figliole, tornate a Lei: a pregarla, ad imitarla, a porvi sotto la sua protezione. Sia Ella il vostro Modello e il vostro Rifugio. La Madre allontana da voi il nemico e si prenderà cura delle vostre croci. In un tempo in cui tanta è la violenza contro la donna, Io dico: accorrete a Lei che può moltissimo per voi! Sappiate che il demonio vi odia, figlie, e dato che in voi vede riflesso l'alito della creazione di Dio, vuole uccidere le donne perché uccidendole uccide la vita. In voi vede riflessa l'Immagine di Maria, in "tutte", della sua Nemica: Colei che ha il potere di schiacciare il suo capo, e cerca, non potendo distruggere la Madre Santissima, di accanirsi e distruggerla, dissacrando le donne. Tornate a pregare il Rosario che è più di tutti i baluardi di forze armate: Maria scaccia il demonio e vi difende.

Viene la Madre Santa con il suo piccolo esercito di figli rimastole fedele, consacrati al suo Cuore per portare di nuovo il mondo a Dio e alla pace. Sarà il trionfo del suo Cuore, un'umanità, una Chiesa, un sacerdozio che vivrà dei sentimenti materni del suo Cuore, che sono quelli più simili, più conformi che aiutano a vivere l'amore di Dio. Ti benedico".

 


10 marzo 2012
"Quanti uomini di chiesa, alti prelati, si lasciano
comprare e corrompere per avere potere!"

"Mia piccola Maria, ciò che ti ho detto si compie. Lo so, i giorni sembrano lunghi ma dinanzi a Dio sono solo pochi istanti.

Stasera la Parola vi invita ad allontanarvi dall'idolatria. Io sono l'unico vero Dio, un Dio geloso dell'amore delle sue creature. Quando vengo posticipato nel cuore di un uomo è perché un bene più prezioso per lui vi è entrato; e lo amo, e quando non è il mio amore primario entra l'idolatria che può essere: il successo, i soldi, il potere, il divertimento, o altro; ma può anche essere l'amore per una creatura, per degli affetti, o il possesso delle cose quando esse assumono un valore superiore e di conseguenza non seguite più i divini Comandi, non seguite il mio Insegnamento…: è entrata l'idolatria!

Anche nella Chiesa, che dovrebbe essere la fonte nella quale abbeverarvi dell'adorazione di Dio, è penetrata l'idolatria cosicché spesso diviene spelonca di ladri e di commercio: mi si baratta per i 30 denari di Giuda che vengono a corrompere perché mi si tradisca. Io entro nel tempio e lo vedo colmo di merci, cose e bestiame; si fa commercio e scambio di valuta, si defrauda il prossimo con il denaro ed Io, preso da dolore e di santo zelo per la Casa del Padre mio, caccio tutti fuori con una piccola verga con la quale Io allontano e frusto il diavolo che provoca ciò.

Ancora oggi nella Chiesa si fa pure luogo di idolatria. Il tempio di Dio che dovrebbe essere solo luogo di preghiera diviene spesso un teatro, un mercato o una piazza; e ove l'onore, il rispetto, l'adorazione, il senso del sacro con il quale porsi in atteggiamento verso l'incontro con il Padre Celeste? Quando si va ad un incontro con re e presidenti, gli uomini si pongono a celebrarli con inchini e onori, mentre dinanzi a Me spesso passano indifferenti e senza riconoscere che Io ci sono. Vengono fatti saluti e applausi, vestiti spesso in modo indecoroso e senza pudore; si fanno concerti e cori, rappresentazioni di ogni genere e mi voltano persino le spalle… Per chi li fanno? Ma per chi è la Chiesa…!? Chi sono venuti a celebrare: Dio o gli uomini?...

Penetrano nella Chiesa in modo molto subdolo simboli che sono pagani ritenuti innocui ma che offendono il mio zelo e il mio amore. Vedo banchetti di vendita pur nell'interno della chiesa ove si vendono oggetti, pur religiosi, in alcune celebrazioni, ma che portano a scambio di denaro o altro, e disperdono il senso della sacralità del luogo.

La parola dell'uomo con il suo chiacchierio ricopre le chiese come pure un parlare di Dio insipiente. Come mai tanti applausi? Io richiedo silenzio, preghiera, compostezza, colloquio e intimità con il vostro Signore, invece voi vi disperdete con il vuoto! Non è questa idolatria? Io richiederò fortemente conto ai sacerdoti che sono compiacenti e non educano i fedeli per il timore di perdere il compiacimento del popolo per sé stessi, e che è a Dio.

C'è un commercio ancora maggiore e profondo nella Chiesa: quanti uomini di chiesa, alti prelati, si lasciano comprare e corrompere per avere potere, beni, vantaggi; prendono denaro e cose, barattando con i miei nemici, che possono portare, in questo modo, il loro spirito massonico, ispirato dal diavolo che, corrompendo, invade per estromettere la vera adorazione all'Altissimo, e portare l'adorazione all'uomo.

Io richiamo ad una Chiesa povera, che non è indigenza, ma ricca nello Spirito, dato che, se povera, il demonio non può corromperla, e nella povertà e nella ricchezza di spirito si fa testimone autentica dell'amore di Dio, poiché, figli a Me consacrati, che avete alti posti e vivete in sontuosi palazzi, in appartamenti lussuosi, mangiando su tavole opulente, in una vita composta di comodità e di agi …non è questa idolatria?...

Tornate poveri e adoranti al vero Dio, dato che soddisfacendovi nelle ricchezze voi adorate voi stessi. Passano i pochi anni e i posti di rilievo, ritrovandovi poi nello sterco di satana. Ti benedico".

 


12 marzo 2012
"Il profeta autentico si riconosce proprio
dalla persecuzione e l’incomprensione che spesso deve subire"

"Mia piccola Maria, la tua parola sia linda! non lasciarti trasportare dalle amicizie, ma diffondi la mia parola.

Il Vangelo vi dice: "Nessun profeta è compreso da quelli della sua casa!". Io porto la mia Persona e la Parola di verità per spronare alla conversione a quelli del mio paese; ma non solo non vengo accolto, ma cacciato, e vogliono persino buttarmi nel precipizio. Nessun profeta è compreso e accolto da quelli di casa, dato che si pensa al profeta come qualcuno di eccezionale, di straordinario: "non può nascere tra quelli di cui conosciamo le origini, i genitori o le miserie personali". Si pensa sempre che sia profeta una persona lontana che, non conoscendola, può avere in sé qualcosa di misterioso.

Iddio invece non ragiona secondo le anguste visioni umane. Dio guarda al cuore e al bene che può derivare dalle creature e ciò che può portare agli altri figli, e fa nascere profeti anche a casa vostra, nei luoghi più umili e nascosti. La Verità verrà sempre perseguitata e il bene contrastato, e il profeta autentico si riconosce proprio dalla persecuzione e l'incomprensione che spesso deve subire. Ma come fare discernimento per capire se il profeta è vero? Pregate, pregate lo Spirito Santo che vi illumini! Notate se la persona cerca vantaggi per sé, o diversamente se vive questo dono vive solo per l'amore di Dio, se ciò che dice è innestato al mio Insegnamento, e nessun punto: e né una virgola deve essere discosto dal mio Vangelo. Se però è veritiero, se è con Me Cristo Signore, se conduce a Me, accoglietelo! Se cerca di avere profitti è contrario al mio Spirito, non accoglietelo!

Come deve operare il profeta? Deve attraversare la terra, spargendo la Parola e il bene quasi volando: il suo seme si sparga ovunque, senza guardare quale e quanto sarà il raccolto; non attenda gratificazioni o compensazioni, volando sulle miserie umane che vede: conosce, compatisce e prega, anche sulle ingiustizie subite e quelle altrui, senza lasciarsi né avvinghiarsi e prendere dalle loro spine e né nell' abbattersi dalla loro amarezza, facendo la sua parte di bene, fisso lo sguardo a Me, solo fisso a Me, con un cuore di bimbo che ama. In questo stato dell'anima ciò che appartiene alla terra del mondo non potrà attecchire per condurlo a sé o sfiduciarlo, ma potrà continuare a seminare ovunque il Cielo. Sarà poi Iddio a sapere ove diffondere e far crescere tanto seme; e non saprete se qui o altrove, ma Io vi dico che nasceranno persino sulle pietre, dei roseti.

In Cielo il Padre Onnipotente vi farà osservare e contemplare il campo che ne è germogliato e che ha portato frutto dal vostro lavoro; e il Padre Santo dirà: "Sei stato il mio Profeta! Questo che ora vedi è la vita che è potuta nascere anche per il tuo concorso e per la tua opera". Ti benedico".

 


13 marzo 2012
"Vi chiedo di superare la giustizia e di perdonare
nella mia divina Misericordia poiché il perdono è cristiano"

"Mia piccola Maria, tuo figlio avrà la sua trasformazione. Ora egli vive il suo tempo di crisi, ma non temere: è sotto la mia custodia. Non accadrà niente di grave e irreparabile. Rimani nella pace.

Stasera il Vangelo vi richiama al perdono: "Quante volte dovrò perdonare a mio fratello che pecca contro di Me?", Io rispondo: "Settanta volte sette!", e cioè all'infinito. Vi chiamo a perdonare sempre. Vedo invece odi, rancori, vendette, risentimenti che portano prima di tutto lo sconvolgimento nei vostri cuori sicché finite per tormentarvi ed ammalarvi. Solo nel perdono torna a voi la pace. Il più delle volte non perdonate perché pensate che il malvagio che ha peccato contro di voi, non meritando, sarebbe un'ingiustizia perdonare alla sua colpa. Ma Io non vi chiedo di guardare alla giustizia, di misurare secondo un metro umano, vi chiedo di superare la giustizia e di perdonare nella mia divina Misericordia poiché il perdono è cristiano. Solo nel perdono riprende la vita e si sana la situazione. Quant'anche non poteste accostarvi al malvagio per prudenza e tutela a voi stessi, perdonate nel cuore, pur da lontano, e scenderà pace e guarigione nel vostro intimo.

Aggrappatevi a Me! Io vi dono il perdono e la capacità di perdonare, ma non pretendete di essere giustificati dalle vostre colpe se anche voi non avrete giustificate le colpe altrui. Sapeste quante anime purganti attendono il perdono da coloro a cui sono debitori e, se dato, volerebbero in Cielo subito! Se sapeste quanti moribondi penano un'agonia lunga e dolorosa perchè difficilmente si distaccano dal corpo e dal mondo per perdoni mai avuti! Perdonate, figli! E lasciate alla Giustizia divina poiché giunge sempre la pena e il riscatto al male fatto, dato che se non giunge il pentimento vero e una carità che ripara, quanto più sarà dura la Giustizia di Dio per i malvagi, di quella umana! Chi avrà perdonato e avrà avuto misericordia s'incontrerà con il Perdono e con la Misericordia. Chi avrà lottato, avrà ricercato con dolore e impegno di dare il perdono troverà la comprensione e l'aiuto. Chi sarà stato duro, senza compassione, avrà dato solo condanna: troverà la durezza e la stessa condanna. Chiedete a Me! Io sono il Perdono. Ti benedico".

 


15 marzo 2012
"Dovete essere figli obbedienti alla Chiesa, fedeli al suo Magistero:
al Magistero del Santo Padre, così mi testimoniate"

"Mia piccola Maria, stasera nel Vangelo San Pietro fa la sua attestazione di fede: "Tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, l'Altissimo!". Anche da voi attendo la vostra attestazione di fede: "Tu sei il Cristo, il Figlio di Dio!", perché se così fosse, se voi credereste che Io sono vitale, creativo, eterno: che in Me ogni potenza vive, voi seguireste i divini Comandi, il mio Insegnamento; allora ci sarebbe una rivoluzione nell'amore: cambierebbero i costumi, i modi di comportarsi nel bene, e questo mondo diverrebbe un Paradiso terrestre.

Vi ho dato una Chiesa che mi testimonia, che è lì a ricordare che: Io sono Dio, e c'è il mio Regno, e cosa dovete fare per giungervi. Figli miei, non potete farvi una fede lontana e personale; dovete essere figli obbedienti alla Chiesa, fedeli al suo Magistero: al Magistero del Santo Padre, così mi testimoniate. Ho dato potere alla Chiesa per poter sciogliere e legare per venire incontro a casi particolari nella Misericordia verso l'uomo, ma mai che sia discostante dalla verità del mio Insegnamento quantunque cambino gli eventi nei secoli.

Siete chiamati a divenire voi stessi una piccola Chiesa che è a Me unita e consacrata, se attesta la fede e vive che Io sono il Cristo, il suo Signore. Ma lo potete se si rimane fedeli alla grande Chiesa. Lo so: in Essa è entrato l'abominio… Lo vedo e l'attesto, ma vedo pure piccoli condottieri, i miei Araldi, che donano per Me ancora la vita. Siate in Essa il grano buono che biondeggia pur tra la zizzania per cercare di trasformarla in bene. Venite e sottoponetevi alla Chiesa, amandola per renderla migliore e santificarla. Ti benedico".

 


16 marzo 2012
"Figli miei, se non si vive il I° Comandamento
entreranno i vari idoli che il mondo propone"

"Mia piccola Maria, Io vengo su tutti loro e anche sul Santo Padre, e ciò che dovrà vivere sarà per la mia gloria e per la salvezza delle anime.

Stasera il Vangelo grandemente vi esorta: "Qual è il Comandamento più grande?... Amerai il Signore Dio con tutto il tuo cuore, la mente e le tue forze". Questo è il maggiore di tutti, il fondamentale, poiché se non vissuto l'amore primario di Dio, non verranno obbediti, non ci sarà fedeltà agli altri. Chi può dire, esaminandosi con onestà, che lo vive e che Io regno, primario, nel suo cuore?... Quanti sono coloro che vanno a confessarsi di essere inadempienti o di amare poco? Sono pochissimi, per lo più tale accusa viene considerata eccessiva , se non un'eresia, mentre invece Io dico: se ve ne confessate ne prendete consapevolezza e desiderate che ne siate maggiorati; in questo Sacramento Io vi dono Energia a tale effluvio d'amore.

Al I° Comandamento Io unisco e fondo i due prossimi che sono inerenti alla divinità: di non nominare il Nome di Dio invano e di santificare le feste. Se si amasse Iddio, la lode e la benedizione sarebbero un canto che sale dalla terra al Cielo, mentre invece non c'è istante che il Nome di Dio venga bestemmiato: milioni di imprecazioni s'innalzano contro il Signore ogni momento dalla terra al Cielo, ma che vi ridiscendono a condanna dell'umanità.

E ove sono le chiese gremite nel giorno del Signore? Vedo centri commerciali che pullulano di gente e così i luoghi di divertimento, e non perché Io non voglia che in questo giorno non si vivano ore di riposo e di serenità nella famiglia, ma prima vi chiedo la preghiera e la Santa Messa, e per chi può, per chi ha malati che abbisognano di assistenza, che vadano a consolare la loro solitudine e la loro sofferenza.

Figli miei, se non si vive il I° Comandamento entreranno i vari idoli che il mondo propone. Voi desiderate l'amore, lo anelate, volete essere amati, ma lo cercate nelle creature; e l'amore umano, figli, inizia nell'entusiasmo ma poi decade, si esaurisce, crolla perché ha bisogno per vivere, di essere alimentato dal mio; e come le batterie si scaricano e debbono essere ricaricate di energia, così i vostri affetti senza l'energia del mio Amor divino si spengono. Io sono la Sorgente dell'Amore: da Me dovete abbeverarvene per riceverne. Da chi prendono le acque, da chi si alimentano i fiumi, i mari… se non dalla sorgente? Se la sorgente non scorre più tutto si secca. Alimentatevi di Me e chiedete: "Signore, aumenta il mio amore per Te!". Pregate, adorate, siate uniti all'Eucaristia: da Essa voi venite corroborati e sarete pronti per partire e amare i fratelli. Ti benedico".

 


18 marzo 2012
"I serpi si sono fatti sì audaci che sono giunti sino all'altare:
si arrampicano anche sulle vesti dei sacerdoti, s'inoltrano nei confessionali"

"Mia piccola Maria, sono con te in questa battaglia con i tuoi figli; tu continua a pregare e a parlar loro anche se non dovessero ascoltarti: tu fai la tua parte.

Stasera il Vangelo vi presenta Me, il "Salvatore", Colui che vi salva, che è morto Crocifisso per voi, ma che rimane e dona Sé stesso non solo allora ma nel Sacrificio Eucaristico e fino alla fine dei tempi. Io vengo a salvare l'uomo dal male, ma se desidera esser salvato, e nella misura in cui l'umanità acconsente. Sono Colui che risana dai morsi dei serpenti, che sono i diavoli che infettano con il loro veleno: solo in Me potete sconfiggerli.

Nell'Esodo del popolo ebraico Iddio offre un Segno: un palo nel quale alla cima, è avvolto un serpe perché guardandolo fisso, gli uomini morsi dai serpenti del deserto venissero sanati. Questo segno prefigurava la mia Croce di salvezza. Se con amore e fede vi fermate a contemplarla vi dona luce sul vostro cammino, vi indica la via da seguire nel bene e se, morsi dai serpi, essa si fa cura che risana e vi estirpa dal loro veleno malefico donandovi guarigione piena. Dovete però guardare Me, fissi a Me! Ma dove guardano gli uomini…? Si voltano alle tenebre, s'immergono in esse ove brulica di serpi, di diavoli, che operano nelle opere oscure che danno la morte.

Se vedeste con i miei occhi!… Il mondo brulica di serpi che vanno in cerca per mordere le creature ed infettarle; basta una lieve crepa, una fessura, per entrare. Si sono fatti sì audaci che sono giunti sino all'altare: si arrampicano anche sulle vesti dei sacerdoti, s'inoltrano nei confessionali ma, se lo possono, è perché l'uomo apre, dà il suo consenso. Se la creatura rimane fusa al mio Sguardo segue la via del bene, ha la forza e la luce per allontanare e dare il suo rifiuto al demonio e, senza consensi, il diavolo è un povero verme che striscia, che perde il suo potere e si ritira: và a rifugiarsi nei più nascosti anfratti.

Venite a Me, figli miei, e portatemi più creature che potete: quelle che pur mi sono lontane, avvelenate dai morsi dei serpi, agonizzanti per il loro veleno, ed Io, tramite voi, le guardo e la mia Luce acceca i diavoli e pone la sua cura perché siano guarite le loro ferite e tornino ad avere, nel mio sguardo, la luce che vi conduce alla via del bene. Ti benedico".

 


19 marzo 2012
"Giuseppe offre la sua verginità, ispirato dallo Spirito Santo,
ancor bambino, come la Madonna"

"Mia piccola Maria, tu hai San Giuseppe per Protettore: sempre ti ha protetto e difesa. Nascere nel primo mercoledì del mese di marzo è già un'assicurazione di questa sua protezione.

Oggi voi celebrate San Giuseppe, il mio Padre Giuseppe; pensate quale sia la beltà di quest'anima perché il Padre Eterno lo abbia scelto perché ne faccia le veci sulla terra: Uomo giusto che è un compendio di virtù nelle quali ha eccelso nella compassione, nella carità, nella laboriosità, nell'obbedienza, nell'umiltà, … Egli mai si discosta dall'umiltà che non si attenua alla notizia della sua missione quando gli viene svelato l'arcano Mistero divino: che sarà Padre del Verbo in terra. Giuseppe ha il suo momentaneo sbandamento di confusione nel quale molto sarà il dolore alla notizia dell'attesa di Maria, sua promessa Sposa, ma non perché, come tutti pensano, che ne sia ferito il suo orgoglio maschile e tradito nella sua persona di promesso sposo, ma incredulo e straziato poiché non riesce a capacitarsi dinanzi all'innocenza, al chiarore trasparente della purezza di Maria che gli è palese, certa, vera. Come quantunque è possibile…!? Solo quando gli Angeli gli vengono in soccorso e lo illuminano del divino Progetto, Egli corre gioioso e timoroso dinanzi alla Madonna: le si pone in ginocchio per adorare il divino Bimbo nel suo Grembo e chiedere perdono a Lei; promette a Dio di dare la sua vita per essere Protettore e Rifugio per noi fino al suo ultimo giorno.

Mai padre fu così amoroso e sollecito, tenero come Lui, che, anticipando i tempi, ha scelto nei miei confronti, Infante, le mansioni che allora erano retaggio solo materno. E, quando poi più grandicello, mi si appressa ad insegnare il suo mestiere, con quale amore e timore!... Prima si pone in ginocchio nel chiedermi perdono se osa tanto, però dopo, con tono fermo e autorevole, paziente e amoroso, m'insegna nel trattare il suo lavoro.

Giuseppe ci cammina avanti per proteggerci, ma nel suo stato d'animo Egli rimane e si sente sempre un passo indietro a Me e alla Madonna, cosciente della grandezza e dell'eccellenza di tali Persone: si sente diviso tra l'essere Lui figlio umano, creatura di Dio, ed esser posto come Padre del Figlio divino, e chiede, prega incessantemente l'Altissimo, per far sì che gli dia modo, sapienza, capacità di vivere tale Paternità di cui si è sempre sentito in difetto, mai all'altezza, sempre mancante.

Quante volte in segreto ci guardava con lacrime di commozione di poter stare accanto a tale Madre e a tale Figlio, e con gratitudine elevava preghiere di lode al Padre Celeste. San Giuseppe è stato anche Sposo amorevole, accorto e pronto al servizio; mai uomo ha amato una Sposa come Giuseppe, e Maria ha amato in Lui uno Sposo, vera unione sponsale, non come tanti credono un matrimonio di procura: si sono amati profondamente nel cuore, esenti dalla carnalità, dato che essi vivevano il primato dell'adorazione a Dio e si erano offerti Primizia di totalità a Lui. Vivendo un grado di eccellenza nella santità, essi erano in uno stato di Grazia che supera quelli che sono i fomenti della carne, condividendo però l'affettività e la tenerezza di tutti gli sposi, ed anche il bagaglio di fatica e le preoccupazioni comuni della quotidianità di ogni famiglia.

Giuseppe offre la sua verginità, ispirato dallo Spirito Santo, ancor bambino, come la Madonna, sicché le loro vite s'intrecciano per divino Disegno, che l'Eterno ha già preparato per loro, al quale hanno completamente aderito e portato a compimento. Giuseppe darà tutto Sé stesso, l'intero operato, ma pure la sofferenza: quella di comprendere, nella sua malattia, che sarà il primo a lasciare la Sposa e il Figlio, Egli che aveva promesso di essere sempre presente a difesa e protezione delle nostre Vite, ed offre la sua dolorosa malattia perché mi sia di aiuto e sostegno per l'Opera di Redenzione.

Ho guadato, ancor bambino, con occhi di ammirazione grande, questo Padre, ammirato della santità eccezionale di questo Uomo così innamorato di Dio e delle sue creature. Molte volte mi inebriavo di respirare il profumo della sua anima di un incenso misto alle violette. Giuseppe è stato mio Padre e lo è ancora in Cielo: non toglie nulla al Padre Santissimo, che sorridente di Lui, gode perché ne porta e ne vede rispecchiata la sua bellezza.

Padre è Provvidenza, è Protezione, è sostegno: Giuseppe lo è stato! Quante volte ha rischiato la sua vita per Me nel deserto! Quante volte, dinanzi a soprusi, ingiustizie e umiliazioni per lavori non pagati e cacciato, è stato tempo d'indigenza, ed Egli s'è tolto il pane dalla sua bocca per nutrirmi e non privarmi. Giuseppe, Uomo di silenzio, cuore leale e generoso che dona.

Andate da Giuseppe! Consacratevi a Lui, consacrate i vostri figli, le famiglie, la vostra vita spirituale, i vostri moribondi e ciò che volete; Egli se ne prenderà sicuramente cura, ed ha un grande potere presso di Me! Ti benedico".

 


20 marzo 2012
"Venite a lavarvi, dice la Madonna a Lourdes, nelle acque,
le acque della sua Immacolata Concezione!"

"Mia piccola Maria, dove vanno queste acque? Da dove provengono?... La prima lettura di Ezechiele questa sera vi presenta la acque del fiume che danno vita; tanto è abbondante la pesca, e le sue sponde sono ricche di frutteti, sicché chi vi vive avrà sostentamento e vita.

Il Vangelo vi indica le acque della piscina di Betsaida ove erano tanti malati: ciechi, storpi, paralitici, … sono là nell'attesa di gettarvisi per essere sanati poiché, da innumerevoli tempi, molti di essi ne sono stati guariti. Cosa sono queste acque? L'acqua è la vita, ma l'acqua è anche la morte che fa morire l'uomo vecchio nella sua natura decaduta, per rinascere, lavandosi in essa, ad una vita superiore.

Il bambino è immerso nelle acque del grembo materno per venire alla luce, ugualmente per rinascere in Dio dovete immergervi nelle sue acque per riformarvi alla sua figliolanza divina. Esse simboleggiano le acque sante del Battesimo, create e benedette dal Padre Creatore, attraversate dal mio Sangue redentivi e dall'Energia santificante dello Spirito Santo: immersi in esse vi fate creature nuove. Queste acque della Grazia in cui siete stati immersi devono essere scorrevoli, fluide, continue, e lo possono purché rimaniate nella vita divina, non sporcata dal fango del peccato: perdurate nello stato di Grazia nella quale il dolce Ospite può vivere e che permette di santificare le vostre opere. Venite a lavare, figli, le sozzure depeccati nella Santa Confessione che vi ridona, nel Sangue del mio perdono, la Grazia perduta, perché il Battesimo viva. Venite a lavarvi, dice la Madonna a Lourdes, nelle acque, le acque della sua Immacolata Concezione, che vi aiutano a riformarvi a mia Immagine, a lavarvi nei Sacramenti, a lavarvi nelle lacrime del vostro pentimento in modo che all'Opera di Dio sia unita una propria sofferenza autentica che è purificazione e conversione.

Unite alle acque divine la vostra partecipazione che si fa lavacro che lava e vi fa rinascere. Venite a Me, figli! Io sono un Oceano di acque infinite che scorrono perenni e non hanno mai fine! Venite ad abbeverarvi ad esse: lontano da Me l'arsura della sete grida nelle anime che vanno poi ad abbeverarsi nei pantani, nelle fogne, nelle pozzanghere del mondo; sembra che ne siano leggermente dissetate ma poi l'arsura si fa più forte e quest'acqua malsana le avvelena.

Venite a Me! Sono l'Acqua viva di un oceano di purezza nel quale voi non avrete più di queste seti. Vi formerò a piccole fonti, chiari ruscelli, fontane limpide che con Me lavano e dissetano il mondo. Ti benedico".

 


22 marzo 2012
"Sarà da questo "piccolo resto" la rigenerazione di un popolo benedetto"

"Mia piccola Maria, nelle vicende che la vita ti presenterà ci sarà la tua crescita. Questa generazione si è pervertita! Mosé scende dal monte poiché il popolo si è pervertito, come gli intima il Padre Onnipotente: essi hanno costruito un vitello d'oro per dio e lo adorano. E cosa fa Mosè…? Supplica il Signore di distruggere i fratelli colpevoli…? Egli prega e intercede con veemenza dinanzi all'ira santa dell'Onnipotente: chiede venia e giustifica. E può il Signore Dio, dinanzi alla generosità e alla Misericordia di un uomo, pur santo, lasciarsi vincere? Per questo dona perdono e proroga.

La generazione di questo tempo si è pervertita! Il vitello d'oro che si è costruito con le sue mani mediante il peccato commesso è a dismisura: il vitello d'oro oggi supera migliaia di volte quello costruito dal popolo nel deserto e giunge a toccare i Cieli, tanto la Legge divina è stata trasgredita, oltraggiata, vilipesa e non c'è comando divino che non sia stato offeso in modo abnorme; e cosa fanno gli uomini? …Danzano, ballano e inneggiano intorno al vitello d'oro, adorandolo, chiedendogli favori e vantaggi, e nel peccato che commettono cercano gloria l'uno nell'altro; e in questo la bestia della statua, che è satana, si eleva in grandezza e potere.

Dove sono i piccoli Mosé di oggi? Quanti sono? Pochi, ma ci sono! Sono pochi dinanzi ad un'umanità che trabocca peccato, e li vedo: anime claustrali che pregano e si offrono nelle loro celle, anime religiose e sacerdotali che operano in mio Nome, malati che offrono la loro sofferenza, anime pie, buone, che intercedono nel piccolo delle loro mura per chiedere salvezza per questo mondo iniquo. É il "piccolo resto", un piccolo esercito fedele, che la Madre Santissima cura e protegge in modo tanto premuroso, dato che sarà da questo "piccolo resto" la rigenerazione di un popolo benedetto. Venite ad arricchirne le fila, aumentate il suo numero: ogni piccolo Mosè aiuta a far rinascere a salvezza molti di questa generazione perversa. Nella misura in cui si torna ad onorare la Legge divina, il vitello d'oro si disgrega e sminuisce; e ritorna la Gloria di Dio. Ti benedico".

 


24 marzo 2012
"Dovete morire a questo mondo di peccato per rivivere alla mia vita"

"Mia piccola Maria, ecco Io sono l'Alleanza, la Nuova Alleanza, firmata con il mio Sangue ed il mio Cuore, un'Alleanza nell'Amore. Io sono il Pegno per essa, sono Colui che è offerto, che si pone dinanzi agli uomini per saldarne il prezzo del peccato e riaprire la porta per il Cielo. Io sono l'Alleanza con il Padre. Ora a voi è richiesta la vostra con Me.

Gli uomini hanno sempre cercato di far divenire la fede una sequela di precetti, di riti esteriori attraverso i quali si acquieta la loro coscienza, pensando in questo modo, di aver agito e ripagato della propria condotta errata e di stare a posto dinanzi a Dio. Chiamo, nella mia Alleanza, ad essere vita fedele, veritiera, nel cambiamento del proprio comportamento in una conversione sincera che tocchi la profondità dell'essere.

Ho pagato Io nella mia Alleanza con la Croce che dalla terra s'innalza al Cielo. Ora voi, se volete, dovete unirvi ad essa per viverla, per stipulare la vostra alleanza. Ognuno è un pezzetto, un tassello di questo mio legno bagnato di Sangue e lacrime, fuso nel mio Cuore. Se volete, fondetevi al mio legno, portando il vostro cuore e il sangue del vostro sacrificio che, unito nel mio, da croce di condanna e di dolore, si fa radiosa, circonfusa di luce, nobilitata sì da gemme preziose da divenire risorta e divina.

Come lo potete? Figli miei, il Vangelo ve lo dice: dovete morire a questo mondo di peccato per rivivere alla mia vita, simili al seme che muore nella terra per rinascere a pianta che germoglia alla vita. Se per una manciata di anni rinnegate questa mia e vostra Croce non ci sarà Alleanza, quell'Alleanza a cui Dio è fedele in eterno, e che vi innalza nella Croce mia dalla terra all'eternità. Ti benedico".

 


26 marzo 2012 (*)
"Venite al Cuore della Madre che, concependo e incarnando Gesù Cristo,
aiuterà ad incarnare in voi la Parola divina"

"Mia piccola Maria, stasera il Vangelo vi presenta il mio Concepimento nel tempo dell'Annunciazione a mia Madre. Io discendo con la mia Anima composta e fusa allo Spirito Santo, compenetrato e unito alla persona dello Spirito, ed entro nel Grembo materno e qui lo Spirito fonde agli Elementi naturali di Maria la mia Anima, sicché le cellule si scindono e iniziano a comporsi per incarnare e formare il mio Corpo spiritualizzato e divino.

La Madre Santa, offrendo il suo Grembo a Me, il Signore, diviene Grembo dell'umanità, e divenendo Concepimento del Verbo di Dio si fa concepimento dell'umanità. La Madonna ha il compito di accogliere in Sé ogni creatura, sia che sia solo una cellula agli albori, sia un feto informe o malformato: Lei lo unisce ai suoi elementi naturali creati dal Padre, al mio Sangue che lo ha attraversato e allo Spirito Santo del quale è Ella infusa e irradiata: continuamente Lo invoca e Lo irrora così che la vostra natura umana s'incarni alla natura di Dio.

Come è possibile questo? La Madonna vi offre il suo Cuore: rifugiatevi nel suo Cuore Immacolato! Consacratevi, offritevi a Lei, e Maria vi formerà, se ne prenderà cura per far sì che avvenga questa trasformazione, che vi incarna in Dio.

Il Padre Celeste ha scelto un mezzo tanto semplice perché avvenisse l'Incarnazione del Figlio suo; gli uomini cercano cose straordinarie fuori del comune; Iddio sceglie una semplice Fanciulla, per quanto nobile, purissima e Immacolata, ma pur sempre una fanciulla.

Colui a cui nulla è impossibile, che non aveva bisogno di nascere, di poter venire al mondo nei modi più impensati o solo manifestandosi con potenza, cosa ha scelto? Iddio, per venire a voi, vi presenta la Vergine Madre: accettatela, consacratevi a Lei! Non ritenetevi superiori ai Progetti di Dio. In tutti i tempi, ma particolarmente oggi in cui è così difficile, in una terra pervasa e ammorbata dal male, il Cuore della Madre vi aiuterà. Come potete essere fedeli alla Legge divina, veritieri al mio Insegnamento, e vivere con coerenza e profondità ogni cammino nella Chiesa? Venite al Cuore della Madre che, concependo e incarnando Gesù Cristo, aiuterà ad incarnare in voi la Parola divina, ad incarnare un Vangelo vissuto, ad incarnare e a fondervi all'Eucaristia sì da farvi voi stessi Eucaristia. Ti benedico".

(*) Festa dell'Annunciazione (che era ieri, domenica V di quaresima)

 


27 marzo 2012
"Trattatemi da Persona!
Io non sono solo relegato in Paradiso, non sono persona astratta, ma vivo"

"Mia piccola Maria, Io ho già perdonato i tuoi peccati.

Stasera nel Vangelo vi dico: "Voi appartenete alla terra, al mondo, Io appartengo al Cielo". Sono venuto come uomo in un corpo infuso e compenetrato di Spirito Santo, un Corpo divinizzato, per portare e parlare delle Realtà celestiali, ma che gli uomini fanno fatica a comprendere, tanto sono relegati nelle anguste loro capacità umane. Per questo Io vengo incontro e mi faccio conoscere. Mi chiedono chi sono. Io sono Colui che vi porta la Salvezza e che, per mezzo di essa, vi permette di accedere al Regno ove la conoscenza di Dio sarà piena.

Ora voi, mediante Me, ricevete i primi rudimenti, le prime conoscenze elementari, ma che sono già sufficienti e vi danno i mezzi per la salvezza. Io sono la Porta che, dischiusa, fa uscire la prima Luce che permette, se ve ne volete illuminare, di rendervi spiriti santificati sicché possiate entrare, la Porta si spalanca e riceverete la vera, profonda e ricca conoscenza di Dio, che si fa totale, ma non si esaurisce che in Paradiso: in Cielo si perpetua e si maggiora continuamente.

La Bibbia non contiene l'intera conoscenza di Dio: è un barlume di Sé. Il Vangelo non vi narra tutto ciò che ho detto e fatto, ma è solo un piccolo sunto. La storia dei Santi, i prodigi e i miracoli, la storia della Santa Chiesa, non sono che tasselli che arricchiscono della Sapienza dell'Eterno, gradini che vi permettono sempre più di salire in Cielo ma che,, pur tutti insieme, non la contengono.

Io mi offro. Sono il vostro Signore e Maestro, il vostro Redentore e Salvatore, sono il Verbo Incarnato: Seconda Persona della Santissima Trinità che viene ed inizia a rivelare chi è Dio, quindi sono Persona: trattatemi da Persona! Io non sono solo relegato in paradiso, non sono persona astratta, ma vivo: partecipo, amo, ascolto, sono con voi. Trattatemi in intimità da persona a Persona, instaurate un rapporto così come facevano gli Apostoli, quelli della mia casa, le creature che mi si accostavano, i malati che volevano guarire, i figli che volevano ascoltare, i bambini che volevano essere presi in braccio e benedetti. Sono Persona che, seppur vissuta nella fede, sono presente.

Quanti sono quelli che vengono a pregare, a parlare con Me dinanzi al tabernacolo a farmi compagnia? Quanti sono quelli che mi adorano nel Santissimo Sacramento ove do luce alle menti e che irroro del mio Amore? Quanti mi vivono nella Santa Messa come Persona che sta vivendo il Santo Sacrificio, che partecipano pensando e amando che Io vi vivo la mia Passione per farvi risorgere? Tanto più voi mi vi fate accanto tanto più mi conoscete, e maggiormente vi si illumina di Sapienza che si apre alla Persona del Padre e dello Spirito Santo. Non statemi lontano, avvicinatevi!

- Anche questo dono del Cielo, che sono le "Gocce di luce", sono per farmi presso di voi per farmi conoscere quale sia il mio Spirito, quali i miei Sentimenti, cosa Io veramente penso. É un mezzo che offro a questa figlia per darlo a voi, per parlare ad ognuno perché, conoscendomi realmente come Persona, voi mi seguiate nella verità e mi amiate. Ti benedico".

 


28 marzo 2012
"Nella piccolezza si riconosce la Verità e ci si inginocchia ad Essa"

"Mia piccola Maria, non verrai al mio Giudizio senza esserti prima lavata ed esente da ogni macchia.

Stasera nel Vangelo i figli della mia terra inveiscono contro di Me, non accolgono la mia Parola e attestano la loro autorità e superiorità dichiarandosi "figli di Abramo", ma Io rispondo: "Se così fosse di certo mi riconoscereste e mi accogliereste perché Abramo ha amato Dio e compiuto le sue opere".

Le grandi religioni hanno per Padre Abramo, si considerano loro progenie, eppure come allora cercano di uccidermi…? I musulmani, che nei continui secoli della storia cercano di distruggere la mia Chiesa, perseguitano e uccidono nel mondo i miei cristiani dato che, uccidendo loro, vogliono uccidere Me. I figli della mia terra, che mi hanno ucciso nel Corpo, ancora mi rifiutano e non mi riconoscono per loro Dio, mi uccidono, misconoscendomi. I cristiani che dovrebbero amarmi, escludendomi dalla loro vita, dissacrando i Comandamenti, rifiutandomi e annullando la mia Opera, mi uccidono nel loro cuore.

Quando siete, figli, discendenza di Abramo? Quando amate Iddio e compite le sue opere allora mi riconoscerete e mi accoglierete poiché da Dio provengo e sono Dio. Abramo mi avrebbe riconosciuto e amato. Ma quando questo può avvenire? Solo quando si è piccoli e umili, dato che l'orgoglio, la superbia della superiorità della propria appartenenza, gruppo, popolo, ecc… acceca la mente, dà buio all'intelletto, rende duro il cuore. Nella piccolezza si riconosce la Verità e ci si inginocchia ad Essa: sarete allora progenie di Abramo, discendenza di Profeti e Santi, figliolanza di Gesù Cristo. Ti benedico".